Orazio Rotunno
No Comments

Bellomo “come a Cassano”: prima rete in serie A contro l’Inter

Il fantasista di Bari Vecchia decisivo ieri sera con la maglia del Torino, come il “genio” pugliese 14 anni fa “Come a Cassano”

Bellomo “come a Cassano”: prima rete in serie A contro l’Inter
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Antonio Cassano, finalmente pronto a tornare in campo

Antonio Cassano

Contro l’Inter, alla seconda presenza in serie A, con un gol decisivo. Alzino la mano quanti ieri sera hanno pensato a questo paragone quando al minuto 90 di Torino-Inter, hanno visto il calciatore granata con il numero 63 esultare follemente dopo aver beffato il portiere nerazzurro Carrizo con uno splendido calcio di punizione a giro con il destro: il soggetto in questione è Nicola Bellomo, talentuoso centrocampista classe 1991 di Bari vecchia che poche ore fa, dopo una lunga gavetta, si è fregiato della gioia del primo centro nella massima serie.

14 ANNI DOPO, DA BARI, UN ALTRO GENIO DEL CALCIO – Un gol arrivato in un match certo non banale, contro quell’Inter che l’aveva seguito a lungo l’anno scorso, una rete decisiva per il risultato, una gioia che ha le sue lontane origini nella stagione 2010/2011, quando Bellomo, allora esordiente in un campionato “pro”, aveva collezionato con la maglia del Barletta in Prima Divisione ben 33 presenze impreziosite da 6 gol tanto belli quanto pesanti, dimostrando sul campo quelle qualità tecniche delle quali si raccontava un gran bene, e si era poi confermato nel biennio di ritorno a Bari, in serie B, con con 51 presenze, 8 reti e l’affermazione che gli è valsa la serie A. Ieri, alla seconda presenza in serie A, la prima gioia, indimenticabile quanto bella: “Era una partita importante e io non vedevo l’ora di entrare in campo. Il gol? Volevo tirare forte in porta, è uscito fuori così. La dedica è per mio padre che non c’è più” questo il commento a caldo di Bellomo, che un anno fa piaceva tanto anche a Juve, Fiorentina e Roma e alla fine era passato al Torino di Ventura, dove quest’anno fino ad oggi aveva trovato pochissimo spazio.

E ieri, quando una doppietta di Palacio aveva ribaltato la gara dopo che i granata erano stati due volte in vantaggio, ha preso il posto del compagno Brighi a 10 minuti dal termine e con una splendida esecuzione balistica- anche propiziata dalla distrazione dell’estremo difensore interista- ha realizzato il centro del 3-3 togliendo le castagne dal fuoco ai suoi compagni, proprio come spesso accaduto al suo riferimento “geografico” e tecnico Cassano. Ieri il primo gol nella massima serie, alla seconda presenza e contro l’Inter, come quel lontano 18 dicembre 1999 fece con la maglia dei Galletti baresi il suo idolo Antonio Cassano: che sia il primo di una lunga serie, Nicola. E poche ore fa, proprio Nicola Bellomo, ha postato sul suo profilo facebook questo messaggio:

Sono passate diverse ore ma ancora stento a crederci, sono talmente emozionato che scrivere queste semplici parole mi sembra un lavoro difficilissimo! Segnare in serie A penso sia il sogno di ogni ragazzino e vi posso giurare che la gioia nel vedere la palla insaccarsi è stata qualcosa di davvero indescrivibile, una di quelle emozioni che raramente si provano in vita! Grazie a tutti voi per il sostegno quotidiano che mi date e in particolare grazie per i complimenti ricevuti! Siete straordinari!”

Luca Guerra

(Twitter: @GuerraLuca88)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *