Connect with us

Calcio Estero

Liga BBVA, nona giornata: Atletico e Barça vogliono continuare a volare

Pubblicato

|

L'Atletico Madrid di Diego Simeone è campione di Spagna
Cristiano Ronaldo guiderà i suoi alla ricerca dei 3 punti

Cristiano Ronaldo guiderà i suoi alla ricerca dei 3 punti

Dopo la pausa per le nazionali riprendono i campionati europei. E quindi riprende anche la Liga, dove Barcellona ed Atletico Madrid vogliono continuare l’insostenibile marcia che nemmeno il Real, già staccato di 5 punti dalla coppia di vetta, è riuscito finora a fermare. 2 trasferte da non sottovalutare per “blaugrana” e “colchoneros”, impegnati rispettivamente con Osasuna ed Espanyol. Il Real cerca i 3 punti col Malaga, mentre lunedì la giornata si concluderà con un fantastico Athletic Bilbao-Villareal. Vediamo nel dettaglio tutti gli incontri di giornata.

SABATO – Niente anticipo del venerdì, si va diretti al sabato con il Real, che alle 16 inaugura la giornata ospitando il Malaga. Gara da “amarcord” per Isco, che per la prima volta affronta i propri ex compagni di squadra. Ai “blancos” si chiude una vittoria condita da buon gioco per cancellare le polemiche velenosissime esplose dopo le ultime uscite di campionato, dove tra polemiche arbitrali e gioco approssimativo la squadra di Ancelotti ha colto più di quanto realmente meritato, specialmente nelle ultime 2 trasferte di Elche e Valencia (giocata col Levante). Il tecnico di Reggiolo è a conoscenza dei problemi della squadra, ed in conferenza stampa ha chiesto ai suoi di reagire, perchè “è impossibile giocare peggio di così“. Un segnale forte dato dall’allenatore, Cristiano Ronaldo e compagni sono avvisati. Di fronte arriva un Malaga reduce dalla cocente sconfitta interna con l’Osasuna, ko che ha messo fine alla striscia di 5 risultati utili consecutivi. Sarà quindi una squadra bianco-blu combattiva e desiderosa di rivincita, nonostante l’avversario sia tra i peggiori possibili. Alle 18 ecco un ottimo Valencia-Real Sociedad, sfida che manda alla lotta per il preliminare di Champions della scorsa stagione, quando “pipistrelli” e bianco-blu si contesero la quarta piazza fino all’ultima giornata di campionato, con i baschi che alla fine riuscirono a spuntarla. Oggi le cose sono totalmente cambiate, infatti i “txuxi-urdin” arrancano nei bassifondi della classifica con soli 7 punti, a causa soprattutto del doppio impegno di Champions che sta consumando enormi energie e regalando solo dispiaceri, visto che la squadra di mister Arrasate è ancora a 0 punti con 2 partite da giocare e si prepara al doppio terribile scontro col Manchester United. Il Valencia, al contrario vive un grande momento di forma e grazie ai 10 punti conquistati nelle ultime 4 gare di campionato è ora a 13 punti in piena zona Europa. Un ulteriore vittoria lancerebbe la compagine di Miroslav Djukic in piena zona Champions. Chi è sicuro della Champions già ad ottobre è ovviamente il Barcellona, che alle 20 affronterà l’Osasuna nel caldissimo Reyno de Navarra di Pamplona. La squadra della Navarra, reduce da un inizio campionato da incubo con annesso avvicendamento in panchina tra Mendilibar e Javi Gracia, nelle ultime 4 gare è riuscita a vincere le prime 2 partite della stagione, facendo bottino pieno in particolar modo nell’ultima giornata, quando ha sorprendentemente sbancato Malaga. Ma ovviamente la reazione d’orgoglio dell’Osasuna non può spaventare il Barça, che arriva in Navarra ancora orfana di Leo Messi. Sarà dunque nuovamente Neymar la guida verso una vittoria che metterebbe pressione all’Atletico, impegnato alle 22 proprio a Barcellona contro l’Espanyol. I bianco.blu, dopo un ottimo avvio di stagione, sono incappati in un periodo buoi in cui hanno incanalato 3 preoccupanti sconfitte consecutive, rispettivamente contro Villareal, Getafe ed Elche. L’allenatore Aguirre vuole una scossa d’orgoglio contro il super Atletico del “Cholo” Simeone, che non ne vuole proprio sapere di rallentare. Importante sarà vedere come si comporterà il “pichichi” Diego Costa, reduce da una settimana tormentata a causa della contesa Brasile-Spagna, con entrambe le nazionali che vogliono farlo giocare coi propri colori.

DOMENICA – Se il sabato è il giorno delle squadre più blasonate, la domenica è riservata a quei club che lottano per la salvezza o per il centro-classifica. A mezzogiorno si apre con Granada-Getafe, con gli ospiti che non vogliono togliere il piede dell’acceleratore, forti di 3 fantastiche vittorie consecutive, 4 nelle ultime 5 giornate. Adrian Colunga e Pedro Leon saranno chiamati ad incantare nuovamente contro un Granada altalenante che vuole ritrovare i 3 punti per aumentare il proprio gap col fondo classifica e per riscattare la batosta di Villareal (3-0). Alle 17 ci aspetta un fondamentale e già delicatissimo scontro salvezza: Almeria-Rayo Vallecano. I bianco-rossi padroni di casa, ultimi con 3 punti, reduci da 3 ko consecutivi ed ancora a secco di vittorie, hanno l’occasione di fare bottino pieno contro un rivale diretto come il Rayo, che in classifica precede gli andalusi di 3 punti e che nell’ultima giornata ha trovata finalmente la seconda vittoria nella Liga grazie all’1-0 ai danni della Real Sociedad, un successo che fa seguito al 3-0 rifilato all’Elche nella gara di debutto. In serata entrano in gioco le sivigliane. Alle 19 il Betis ospita un Elche in grande forma per cercare una vittoria che lo rilancerebbe in classifica e che vendicherebbe il bruciante 3-1 subito a Getafe. Ma come detto, gli uomini di Pepe Mel si troveranno di fronte ad una squadra che vive un momento di forma straordinario e che precede i bianco-verdi di un punto in classifica. Sono 2 le vittorie consecutive per i neo-promossi, che hanno reagito alla grande allo “scippo” subito contro il Real Madrid, in cui lo ricordiamo, solo un rigore inesistente fischiato nel recupero aveva negato il pareggio agli uomini di Fran Escribà. Alle 21 gli arci-rivali del Betis, i bianco-rossi del Siviglia, faranno visita al Valladolid per cercare di decollare definitivamente dopo 2 successi ed un pareggio nelle ultime 3 gare. Di fronte troveranno un Real in grossa difficoltà, intrappolato nella zona rossa della classifica con 6 soli punti e reduce da 3 pareggi nelle ultime 5 gare, mentre il conto delle vittorie è fermo ad 1. Urgono quindi 3 punti per evitare ulteriori guai.

LUNEDI’ – Chiudiamo con i due posticipi del lunedì. Alle 20, allo stadio “Balaidos” di Vigo, i padroni di casa del Celta cercheranno 3 punti vitali per chiudere un periodo orribile da 4 ko ed un punto nelle ultime 5 gare, numeri che hanno relegato la squadra di Luis Enrique, che aveva illuso tutti dopo le prime buone uscite, nel fondo della classifica con soli 6 punti. Ad affrontarli ci sarà un buon Levante che conta 10 punti in classifica e che vuole vendicare la bruciante sconfitta interna contro il Real, in una gara che fino al 92′ era addirittura vinta ma che gli uomini di Caparros hanno visto tramutarsi in sconfitta con due beffardi gol nel recupero. Alle 22 chiude questa nona giornata il confronto che si preannuncia il più spumeggiante ed appassionante di tutta la giornata: Athletic Bilabo-Villareal. Il “Submarino Amarillo”, attualmente al quarto posto con 17 punti, non sembra assolutamente una squadra neopromossa per la maturità e la spregiudicatezza con cui fin qui ha affrontato il campionato. Anche in questo impegno siamo sicuri che Dos Santos e compagni ci faranno divertire ed andranno a caccia del colpo grosso al “Nuevo San Mames”. Athletic che è in piena zona europa e che dista 4 punti dai “canarini”, l’obbiettivo dei baschi è ovviamente quello di conquistare 3 punti per accorciare ad un solo punto la distanza con i rivali, una missione alla portata del solido gruppo allenato da mister Valverde.

Enrico Cunego

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending