Redazione

Giro, Joaquim Rodriguez vince in volata sulle Dolomiti. Basso beffato al traguardo

Giro, Joaquim Rodriguez vince in volata sulle Dolomiti. Basso beffato al traguardo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Joaquim Rodriguez in maglia rosa

CORTINA D’AMPEZZO, 23 MAGGIO – Joaquim Rodriguez vince in volata il tappone dolomitico passando primo al traguardo di Cortina d’Ampezzo, davanti a Basso, Hesjedal, Uran, Scarponi e Pozzovivo. Rodriguez conserva anche la maglia rosa. Delusione Kreuziger che perderà 11 minuti, scendendo in 20/a posizione. Un applauso a Mark Cavendish che non si arrende e arriva al traguardo entro il tempo massimo.

LA TAPPA – A Falzes sono 170 i corridori al via. Dopo pochi km parte una fuga che è ripresa a 40 km dalla fine, sulla salita di Forcella Staulanza, dal gruppetto dei migliori. Sono rimasti in 31 davanti e c’è anche la maglia rosa. Insieme valicano il GPM e affrontano la discesa che porta all’ultima salita: il Passo Giau, 10 km al 9% di media con strappi al 14%.

IL PASSO GIAU – Quando inizia il Passo Giau, gli uomini di classifica, escluso Kreuziger, sono tutti nel gruppo dei battistrada. Tra i 31 davanti c’è la malia rosa Rodriguez, Ivan Basso, Scarponi, Pozzovivo, Hesedjal e anche Cunego. E’ la Liquigas a fare l’andatura. Il ritmo imposto dai compagni di Basso è impressionante e fa selezione. Molti si distaccano. A metà Giau dei 31 ne rimangono sei: la maglia rosa Rodriguez, Basso, Scarponi, Pozzovivo, Hesedjal e Uran. Al terzo km Ivan Basso si mette davanti e fa l’andatura. Il canadese Ryder Hesedjal in un tratto agile e approfittando del rallentamento del ritmo, prova lo scatto, ma l’azione termina in un attimo. Un colpo di pedale e Ivan Basso, trascinandosi gli altri del gruppetto, è già a ruota del canadese. I sei salgono bene, ma non c’è intesa. E’ sempre Ivan Basso a tirare forte. A 450 metri dal GPM del Giau, Pozzovivo, in sordina fino allora, allunga nel tentativo di passare primo al Gran premio della montagna. Non è un vero e proprio scatto ma fa male e Scarponi si pianta sui pedali. Il capitano della Lampre ha i crampi e passerà al GPM con 16 secondi di ritardo dal gruppetto maglia rosa. In discesa Scarponi ha la possibilità di recuperare, ma si tocca le gambe: ancora crampi. La discesa è tecnica e fa selezione: Uran si distacca. Però a due km dalla fine, al termine della discesa, il gruppetto della salita del Giau si riforma: rientra anche Michele Scarponi, ripresosi dall’infortunio. I sei si studiano e Basso prova lo scatto, presto annullato. Sarà volata. A duecento metri inizia lo sprint, tutti contro tutti. Parte Scarponi seguito da Basso. Inizia un testa a testa tra Basso e Scarponi. E’ troppo presto, il traguardo è ancora distante. Dall’ultima posizione risale la maglia rosa Rodriguez. Cento metri e lo spagnolo brucia i due italiani passando primo al traguardo di Cortina.

CLASSIFICA GENERALE – Rodriguez è primo in maglia rosa. Oggi lo spagnolo, brillante negli ultimi cento metri, si è confermato un ottimo scalatore. In buona condizione Ivan Basso, terzo in classifica generale: lui e la sua squadra avranno ancora da dire. Scarponi quarto, bravo e sfortunato con i crampi sul Giau. Pozzovivo, settimo: è l’allungo del folletto lucano a mettere in difficoltà Scarponi. Hesjedal secondo è la sopresa del giro, l’uomo da tenere d’occhio in vista della crono di Milano.

a cura di Francesco Di Santi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *