Connect with us

Nazionale

Nazionale di calcio: Italia in caduta libera nel ranking Fifa

Pubblicato

|

Prandelli. ct della Nazionale

Prandelli, ct della Nazionale subentrato a Marcello Lippi

UNA COSA IMPENSABILE – Sono quattro le posizioni nel ranking Fifa che la nazionale italiana di calcio ha perso in un mese. Le deludenti prestazioni con Danimarca e Armenia, entrambe finite con il risultato di 2-2, hanno sancito l’uscita dell’Italia dalle migliori 8 del ranking mondiale. Ciò comporta all’Italia il rischio di poter pescare durante il sorteggio dei gironi dei mondiali, che si terrà il 6 dicembre a Mata de São João, una città brasiliana di 40 mila abitanti nello stato di Bahia, una tra Spagna, Germania, Argentina, Colombia, Belgio, Uruguay e Svizzera. A queste va aggiunto il Brasile che é stato inserito automaticamente tra le teste di serie perché paese ospitante. Se l’Uruguay dovesse incredibilmente fallire lo spareggio con la Giordania, subentrerebbe l’Olanda, che ha superato gli azzurri nel ranking per 34 centesimi di punto. L’Italia non restava fuori dalle migliori otto addirittura dal 1978, in occasione dei mondiali in Argentina.

PRANDELLI MINIMIZZA – Il ct della nazionale italiana Cesare Prandelli ha minimizzato il fatto prendendo come esempio gli europei di Polonia e Ucraina, disputatosi lo scorso anno, dove l’Italia, pur non essendo testa di serie, riuscì ad approdare in finale. Prandelli considera una cosa positiva affrontare le squadre più forti all’inizio della competizione, perché costituisce uno stimolo per i giocatori che non andrebbero quindi a sottovalutare l’avversario.

IL SORTEGGIO – Il sorteggio dei gironi sarà un vero rebus, in quanto potrebbe andare relativamente bene pescando in prima fascia una tra Svizzera e Belgio, che sembrano più abbordabili, e in terza fascia una tra Ucraina e Svezia; o potrebbe andare male pescando in prima fascia una nazionale più ostica, ad esempio il Brasile, ed in terza fascia una tra Francia e Russia, se paseranno lo spareggio.

Il ranking Fifa aggiornato al 17 ottobre

1 Spagna 1513   (UEFA)

2 Germania 1311    (+1)  (UEFA)

3 Argentina 1266 (-1)  (CONMEBOL)

4 Colombia 1178    (+1) (CONMEBOL)

5 Belgio 1175 (+1)   (UEFA)

6 Uruguay 1164 (+1) (CONMEBOL)

7 Svizzera 1138 (+7) (UEFA)

8 Olanda 1136 (+1)  (UEFA)

8 Italia 1136 (-4) (UEFA)

10 Inghilterra 1080 (+7) (UEFA)

Marco Sciscioli

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending