Redazione
No Comments

Virtus Lanciano, la capolista che non ti aspetti

I frentani guidati dall'esordiente Baroni stanno sorprendendo tutti. Difesa solida e gruppo rodato e coeso,ecco i segreti della favola della serie cadetta

Virtus Lanciano, la capolista che non ti aspetti
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Marco Baroni, allenatore del Lanciano

Marco Baroni, allenatore del Lanciano

 Giù il cappello alla capolista Lanciano, squadra che con umiltà e entusiasmo ha iniziato questa seconda stagione in B (dopo l’esordio assoluto dello scorso anno), con l’obiettivo di salvarsi. E’ stato scelto come tecnico Marco Baroni, alla prima esperienza nella serie cadetta. Per lui non è la prima volta tra i professionisti, anche se i precedenti non sono state incoraggianti: a Cremonese in Prima Divisione non finì bene e a Siena, in Serie A, rimase addirittura solo 3 giornate.

POCHI CAMBI –  La squadra è in pratica quella dello scorso anno. In porta non c’è più Leali, portiere scuola Juventus, passato allo Spezia, ma ne è arrivato un altro promettente: si tratta di Sepe, estremo portiere di proprietà del Napoli, lo scorso anno guardiano del Pisa che ha sfiorato il ritorno in Serie B, perdendo lo spareggio play-off contro il Latina. Sempre in difesa è arrivato Troest dal Varese, per il resto centrocampo e attacco sono rimasti invariati. Però i rossoneri lavorando con umiltà e senza pressioni, come logico che sia per una piccola città di 35 mila abitanti, e stanno andando ben oltre le aspettative. Dando un occhio alle statistiche, l’inizio è stato buono ma non eccezionale; due i pareggi, a Brescia per 2-2 e quello interno con la Reggina 1-1 . Poi sono arrivate 5 vittorie e 1 pareggio, sette le reti messe a segno e nessuna subita. Sta proprio nella solidità difensiva e la buona organizzazione del reparto il segreto del primato dei rossoneri. Una contraddizione se si pensa che Baroni attua il 4-3-3, un modulo non propriamente difensivo.

CLASSE OPERAIA VA IN PARADISO– Vedendo i nomi di questa squadra non emergono giocatori di esperienza, molti sono i giovani e non esiste  un goleador di razza. Sono ben sette i giocatori che sono andati in rete. Il segreto sta probabilmente nell’organizzazione di gioco della squadra e la compattezza del collettivo. I migliori marcatori sono Thiam e Minotti con sole 2 reti. Questo rende difficile il compito agli avversari che non devono curare un giocatore, ma è una squadra che funziona con meccanismi oliati a mettere in difficoltà non dando punti di riferimento.

SARÀ VERA GLORIA? – E’ la domanda che gli esperti si fanno da qualche giornata:  siamo a metà ottobre e il cammino è lungo, ma il primato dopo otto giornate non può dirsi proprio casuale. Per informazioni chiedere al Novara sabato scorso battuto al “Piola” per 3-0, un risultato e una prestazione quella dei frentani eccezionale, contro un avversario di valore come gli azzurri di Aglietti. Probabilmente le grandi squadre alla lunga verranno fuori, ma i ragazzi terribili di Baroni hanno il vantaggio di non aver nessun tipo di pressione, ciò che viene fatto oltre al raggiungimento della salvezza per loro è scrivere una pagina di storia della società. Chissà che questa non sia indelebile per i tifosi di questa piccola realtà della provincia di Chieti.

 Stefano Scarpetti

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *