Connect with us

Moto Gp

MotoGp: la penalizzazione di Marc Marquez

Pubblicato

|

Marc Marquez conquista la settima vittoria consecutiva

Un punto di penalizzazione a Marc Marquez per guida irruenta e 25 punti, ottenuti nella vittoria nel Gran Premio di Aragon, tolti alla Honda nella classifica costruttori. Questa è la decisione della direzione Gara della Motogp presa a Sepang, dopo il meeting al quale hanno partecipato lo stesso Marquez, Dani Pedrosa e alcuni rappresentanti della Honda.

Durante il meeting è stato analizzato l’incidente avvenuto tra i due piloti ufficiali Honda durante il Gran premio di Aragon. Per il talentuoso pilota spagnolo è il terzo punto di penalizzazione stagionale, gli altri due gli erano stati inflitti nell’incidente durante il Gp di Silverstone. In classifica non cambia nulla, dato che Marquez è sempre al comando con 277 punti, 38 in più del connazionale Jorge Lorenzo (239). Il suo compagno alla Honda si trova al terzo posto (219) e subito dopo troviamo Valentino Rossi a 185 punti.

Livio Suppo, tecnico Honda ha commentato così la decisione presa dalla direzione di Gara “Il punto a Marc non cambia nulla per il momento, ma la direzione di Gara ha voluto più che altro sottolineare le sue manovre durante la stagione, non solo nell’ultimo GP. D’altra parte la Direzione Gara crede, ed è così, che sia colpa nostra l’incidente di Dani con il sistema di backup che si è azionato in ritardo. Non credo che faremo ricorso”.

Il Direttore di Gara, Mike Webb, ha fornito la spiegazione della sua decisone: “La riunione riguardava due punti: il contatto tra Marc e Dani in gara e la caduta di Dani che Honda ha spiegato essere il frutto di un problema con il controllo di trazione. Per la prima abbiamo deciso di penalizzare Marc con un punto per condotta irresponsabile. Per il secondo abbiamo deciso di penalizzare Honda sottraendo i 25 punti conquistati in Spagna proprio da Marquez. In entrambi i casi voglio sottolineare che la direzione Gara sta inviando messaggi: il primo è quello che ci si aspetta una guida responsabile quando si corre vicino ad altri piloti, il secondo va per i costruttori che devono sempre guardare a migliorare la sicurezza dei propri prototipi“.

Arianna Scarozza

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending