Connect with us

Football

Udinese-Cagliari 2-0: analisi e pagelle

Pubblicato

|

L’Udinese batte il Cagliari 2 a 0 grazie alle reti di Danilo e Di Natale, mettendo fine alla striscia positiva dei sardi, che durava da quattro turni. Match equilibrato nel primo tempo, i ritmi sono alti ma le due squadre non pungono negli ultimi metri. Ci pensa Danilo a sbloccare l’incontro alla mezzora, sfruttando gli sviluppi di una punizione nella quale gli ospiti non sono impeccabili nelle marcature.

L'esultanza di Di Natale dopo il gol del 2 a 0

L’esultanza di Di Natale dopo il gol del 2 a 0

UDINESE ATTENTA, CAGLIARI SPENTO – Il Cagliari tenta a più riprese di riacciuffare il pari, ma Ibarbo predica nel deserto, mentre Ibraimi e Pinilla incappano in una giornata no. La mediana sarda soffre nei primi 45 minuti il pressing dei friulani e le assenze di Conti ed Ekdal. L”Udinese controlla bene il match, sfrutta la brillantezza di Maicosuel, subentrato ad uno spento Nico Lopez, e chiude di fatto la pratica al 53′  grazie ad una magia su punizione di Di Natale, un tiro perfetto sul quale Agazzi non può fare nulla. Dopo il gol poco altro, il Cagliari ci prova ancora, guadagna metri, l’ingresso di Cabrera offre maggior qualità a centrocampo e qualche pallone giocabile per le punte, ma le occasioni non arrivano. Vittoria meritata per l’Udinese, scesa in campo con più motivazioni rispetto ai sardi e cinica nell’approfittare delle disattenzioni degli avversari.

LE PAGELLE DI UDINESE-CAGLIARI

Udinese

KELAVA 6 – Le occasioni in cui deve sporcarsi i guanti non sono tante, ma quando capita si fa trovare pronto

HEURTAUX 6,5 – Il difensore francese offre garanzie alla retroguardia e centimetri in attacco sui calci da fermo. Sostituire uno come Benatia non è impresa semplice, ma se la sta cavando egregiamente.

DANILO 6,5 – Nessuna sbavatura in difesa e cinico come un attaccante di razza in occasione del gol. Il difensore ex Palmeiras si conferma una sicurezza, stupisce non poco che non giochi in una big.

NALDO 6 – Buona la prestazione del brasiliano, sempre più a suo agio negli schemi di Guidolin.

BASTA 6 – Murru sulla fascia destra non è un cliente facile, ma conquista la sufficienza con esperienza e grinta.

PINZI 6,5 – Il mediano crea in mezzo al campo una diga invalicabile per i rossoblù. Giocatore fondamentale per questa Udinese. (dal 70′ BADU 6 – Entra a venti minuti dal termine per contenere la mediana rossoblu e svolge bene il compito)

ALLAN 5,5 – Lento e impreciso in più occasioni, il centrocampista è l’anello debole della mediana bianconera.

LAZZARI 6 – L’ex Cagliari non entusiasma in fase di costruzione, ma se la cava bene in copertura.

GABRIEL SILVA 6,5 – Si francobolla ad Ibarbo per tutto il match, fermandolo ottimamente in più occasioni.

NICO LOPEZ 5,5 – Il talento c’è ma è ancora inespresso. Spesso fuori dal gioco, non crea molti grattacapi alla difesa avversaria. Può crescere e tanto, ma deve maturare. (dal 45′ MAICOSUEL 6,5 – Il Mago regala spunti interessanti e conquista gli applausi degli spettatori annoiati del Friuli)

DI NATALE 7 – Gli anni passano, ma Totò è sempre lo stesso. La punizione che regala il 2 a 0 ai suoi è la cartolina più bella di questo pomeriggio di A. (dal 90′ RANÉGIE S.V)

GUIDOLIN 6,5 – L’Udinese di questa stagione non ha la brillantezza mostrata negli ultimi anni, ma è squadra solida e compatta, e il merito è tutto suo

Cagliari

AGAZZI 6 – Il momento difficile è passato. Dopo le papere di qualche settimana fa, il portiere ha saputo riprendersi e dare alla difesa rossoblu la sicurezza di cui necessita. Incolpevole sui due gol presi.

PERICO 6 – Prestazione anonima del terzino, discreto in fase di copertura e raramente pericoloso in attacco

ROSSETTINI 5 – Irruento in qualche chiusura e pasticcione come un difensore di A non deve essere. Avvio di campionato difficile per il centrale, Ariaudo scalpita e potrebbe presto rubargli il posto.

ASTORI 6 – Buona la partita del difensore azzurro, che cresce partita dopo partita. Il Brasile è sempre più vicino.

MURRU 7 – Il laterale sardo riprende una maglia da titolare dopo due turni e gioca una partita quasi perfetta. Prezioso in copertura e pericoloso con le conclusioni da lontano, fa tutto quello che si può chiedere ad un terzino. La decisione di Di Biagio di lasciarlo fuori dall’Under 21 è inspiegabile.

NAINGGOLAN 7 – Ennesima partita da 7 in pagella per il belga. La mediana sarda è in affanno, ma lui no. Corre per 90′, perfetto nelle chiusure, gioca ormai da veterano, distinguendosi in positivo anche nella costruzione delle trame offensive.

DESSENA 5,5 – Sostituisce Ekdal ma non offre la qualità dello svedese. L’involuzione rispetto alla scorsa stagione è evidente.

ERIKSSON 5,5 – Timido alla sua prima da titolare, non è abbastanza incisivo nei contrasti e butta via molti palloni. (dal 62′ CABRERA 6 – Meglio dello svedese in cabina di regia, ma deve essere più sicuro delle potenzialità che ha)

IBRAIMI 4,5 – Cossu non c’è e Lopez scommette su di lui dal primo minuto. Scommessa persa quest’oggi, il macedone è fuori dal gioco e non assiste mai le punte come dovrebbe. (dal 58′ SAU 5,5 – Qualche spunto interessante, ma da uno come lui ci si aspetta ben altro)

IBARBO 6 – Corre, corre e corre ancora. Qualche dribbling ubriacante dei suoi ma gioca da solo, come se non avesse compagni. Tuttavia è l’unico a creare qualche problema alla difesa avversaria

PINILLA 5,5 – Partita difficile per il cileno, costretto a fare a sportellate con i difensori bianconeri. Non è abbastanza incisivo negli ultimi metri, così come tutto il Cagliari. (dall’84’ NENÈ S.V)

LOPEZ 5 – L’uruguaiano sbaglia tutto, mettendo in campo una formazione timida e rinunciataria. Ibraimi non è ancora pronto, così come Eriksson. Fa i cambi giusti nella ripresa, ma è troppo tardi.

Antonio Casu

twitter:@antoniocasu_

 

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending