Redazione

Tris dell’Italia alla World League, ora le Olimpiadi di Londra sono ad un passo

Tris dell’Italia alla World League, ora le Olimpiadi di Londra sono ad un passo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Gli azzurri mentre festeggiano lo strepitoso risultato ottenuto contro gli UsaFIRENZE, 22 MAGGIO – Mamma mia che Italia. Stupisce, si esalta ed emoziona. La nazionale di pallavolo ha asfaltato gli Usa campioni olimpici, imponendo il proprio gioco e schiacciandoli con un netto 3-0. L’ultima impresa degli azzurri nella World League potrebbe spianare la strada per la fase finale che si terrà a Sofia, ma intanto, dietro la rete di metà campo, si nasconde anche l’olimpiade.

Feroci ed affamati. Dopo un avvio non troppo convincente in questa World League, l’Italia ha finalmente manifestato tutto il suo istinto rapace. Sofferenza contro la Corea del Sud, rimonta con i cugini francesi e schiacciata finale per gli Usa. Niente da dire, gli otto importantissimi punti agguantati in questa prima fase, portano gli azzurri ad occupare la testa del pool C e la premiano come la squadra con più vittorie della competizione.

Domenica, in uno stracolmo Mandela Forum di Firenze, con oltre 7.000 spettatori, c’era un’Italia forte e determinata. I pochi ritocchi che l’avevano operata rispetto al match contro la Francia sono riusciti a fortificarla, nonostante il ritmo stressante mantenuto nelle ultime settimane dai ragazzi di Berruto. Infatti, molti dei giocatori hanno frequentato il campo rettangolare senza quasi mai tornare a casa, spostandosi in pullman dal V-Day, al torneo di qualificazione olimpica di Sofia. E ora la World League e la sua fase finale e poi l’evento più importante: le olimpiadi di Londra.

Insomma un percorso più che faticoso. Eppure sono comunque bastate alcune rivisitazioni pratiche per rendere questa squadra imbattibile. Giocando un po’ con la lavagnetta, Berruto ha fatto bene i suoi conti, iniettando Lasko come titolare in diagonale con Travica e spingendo Zaytesev in banda con Savani. Poi ha ripreso il pennarello in mano, per far riposare Giovi, sostituito da Buti al centro. Il risultato è una squadra lucida e mai in difficoltà, che ha saputo disciplinare i campioni olimpici, che forse non si aspettavano di dover combattere un gioco di così alta qualità. Tre set incredibili, terminati con i punteggi di 25-16, 25-20 e 25-16. Ad impressionare soprattutto Zaytsev, che ha confezionato ben 17 punti e le ottime giocate di Travica, che sembra incastrarsi come un mattoncino Lego in questa formazione. Insomma tutto è andato perfettamente bene. “Ci siamo espressi al meglio” ha commentato Berruto “contro un’avversaria che, non dobbiamo dimenticare, è campione olimpica in carica.”

Terminati gli applausi ci si può concentrare ora sulla raccolta dei frutti di questa strepitosa serie di vittorie. Il più succoso sarà sicuramente il periodo di riposo che cullerà per circa tre settimane gli azzurri, mentre altre nazionali saranno impegnate nella qualificazione per le olimpiadi. La World League riprenderà infatti il 15, 16 e 17 giugno a Lione e Berruto dovrà acciuffare di nuovo la lavagnetta per valutare al meglio chi fare scendere in campo e chi risparmiare in vista della sempre più vicina partenza del volo per Londra.

Nicolò Salvatore

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *