Vincenzo Galdieri
No Comments

Le pagelle di Torino-Juventus 0-1: Tevez pauroso, blackout Immobile

L'argentino è un giocatore totale: tecnica, difesa della palla, tiri, assist, corsa e copertura. Mostruoso. Nel Torino il peggiore è Immobile, totalmente fuori fase e fuori gara

Le pagelle di Torino-Juventus 0-1: Tevez pauroso, blackout Immobile
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Pagelle Torino Juventus - Arturo Vidal, centrocampista della Juventus

Arturo Vidal, centrocampista della Juventus

TORINO 

PADELLI 7 (IL MIGLIORE) – E’ grandissimo su Giovinco e Vucinic. Nulla può sul gol di Pogba. Sta crescendo parecchio.

DARMIAN 5,5 – Timido, pensa soltanto a coprire e non gli riesce nemmeno benissimo.

GLIK 6 – Senza infamia e senza lode: meno cattivo degli ultimi derby, infatti esce dal campo al 90esimo come tutti.

MORETTI 5,5 – Contro Giovinco ha vita facile, ma Tevez lo fa ammattire.

RODRIGUEZ 6,5 – Il migliore della difesa: con lui non si passa. Peccato che poi debba uscire per infortunio Dal 46′ MASIELLO 5 – Evanescente e nemmeno troppo concentrato, nella sua zona nascono vari pericoli.

BRIGHI 5,5 – Onesto lavoratore in mezzo al campo, ma quando deve fare qualcosa in più e proporsi non riesce mai ad essere incisivo.

EL KADDOURI 5 – Annullato da Vidal. Ma una sua serpentina è la cosa più bella del Torino in tutta la partita. Dal 67′ MEGGIORINI 5 – Entra per dare maggiore peso al reparto offensivo, finisce col farsi annichilire da Chiellini e soci.

VIVES 5,5 – Gara mediocre, sebbene priva di gravi errori. Il suo apporto in mezzo è molto cosi cosi. Dall’84’ FARNEREUD sv 

D’AMBROSIO 6,5  – L’unico che prova a creare seriamente dei pericoli. Sulla sua fascia corre tanto e bene, risultando il migliore sia in copertura che nelle azioni di ripartenza. Ma la squadra non lo segue e finisce col predicare nel deserto.

CERCI 5 – Nel primo tempo è inesistente, l’orgoglio lo porta a spingere di più nella ripresa, ma è troppo poco e troppo tardi.

IMMOBILE 4 – Meriterebbe l’espulsione per un fallaccio bruttissimo su Tevez, ma l’arbitro lo grazia. La sua sveglia però non suona lo stesso, nonostante il pericolo scampato: partita da spettatore. Sarà stata l’emozione di giocare contro la sua ex squadra?

All. VENTURA 5 – Propone un Toro troppo rinunciatario, ed in un derby devi giocare per vincere indipendentemente dall’avversario. Perde meritatamente, perchè i suoi non fanno un tiro in porta, si stancano e si fanno schiacciare progressivamente dalla famelica Vecchia Signora.

JUVENTUS

BUFFON 6 – Un derby in poltrona non se lo sarebbe mai aspettato. Dalle sue parti il Torino non si vede nemmeno col binocolo, e non è un eufemismo.

BARZAGLI 6 – Controlla la sua zona di competenza con tranquillità, anche perchè nella sua zona di competenza non c’è mai nessun avversario.

BONUCCI 6 – Non corre pericoli dietro, bravo a correggere il pallone vagante che origina il palo di Tevez prima ed il gol di Pogba poi.

CHIELLINI 7 – Messo a uomo su Cerci, lo distrugge. Nel senso che nella sfida stravince, col campioncino romano costretto a ripiegare su se’ stesso. Quando il Chiello è cosi in forma, meglio stare alla larga: tanto anche provandoci non si otterrebbe nulla di buono.

LICHTSTEINER 6 – Non spinge, ma copre bene. Meno attivo del solito.

VIDAL 6,5 – Per una volta torna ad interpretare quello che sarebbe il suo ruolo naturale: il mediano. E da mediano, spazza via El Kaddouri.

MARCHISIO 6 – Rabbia agonistica e corsa non mancano, ciò che latita sono gli spunti. E non è la prima volta.

POGBA 6,5 – Non eccelso a dire il vero, dovrebbe impostare lui al posto di Pirlo ma Pirlo è ancora un’altra cosa. Però si fa perdonare col gol della vittoria: mica male…

ASAMOAH 6 – Volenteroso e voglioso, mette anche qualche buon cross. Ma salta l’uomo troppo poco spesso, per quanto almeno ci provi quasi sempre. Dal 75′ PADOIN 6 – Diligente come di consueto.

GIOVINCO 5 – Ennesima prestazione inconsistente per un giocatore che sta perdendo considerazione anche da parte dei tifosi. Sbaglia tutto, a volte si nasconde, poi gli capita un pallone d’oro per sbloccare il match e tira addosso a Padelli. Occasione sprecata, e con gli attaccanti che girano alla Juve quest’anno conquistarsene un’altra sarà dura. Dal 76′ VUCINIC 6,5 – Entra con piglio e determinazione, per poco non fa il gol da cineteca: Padelli è spaziale.

TEVEZ 7 (IL MIGLIORE) – E’ semplicemente un mostro. Fa paura, davvero. Tecnica da giocoliere, corsa continua e grande lavoro di raccordo tra i reparti. Arriva a rincorrere un avversario fino alla bandierina dell’angolo, a due passi dalla porta difesa da Buffon. Ha una volontà ferrea e si sta facendo amare per questo: non soltanto è un campione dalla classe cristallina, ma si sbatte pure come un mediano qualunque. Propizia – anche se ina fuorigioco – il gol di Pogba. Prende una botta clamorosa da Immobile, ma si rialza e torna a dare spettacolo. Va vicino al gol un paio di volte, regala assist a go go. Da quando è arrivato non c’è stata una volta in cui la sua pagella personale non partisse dal 7. Uno dei migliori 10 attaccanti del mondo, il miglior acquisto possibile per la Juve di Conte dopo Cavani, Messi e Ronaldo in ordine sparso. Toro scatenato. 

All. CONTE 6 – Vara ancora un mini turnover e tiene fuori Pirlo e Llorente, facendo spazio a Marchisio e Giovinco. I due torinesi però deludono: per fortuna super Tevez e Pogba gli tolgono le castagne dal fuoco. Ma la Juve dimostra che senza Pirlo fa ancora fatica a risultare splendida e splendente. Comunque, nonostante lo scarso stato di forma, sono 5 vittorie ed 1 pareggio in 6 partite di campionato. Va benissimo cosi, considerando che a livello di condizione è un periodo no. Adesso sotto col Galatasaray: perchè dopo il pareggino col Copenaghen, questa è già una gara da dentro o fuori.

Vincenzo Galdieri
Twitter: @Vince_Galdieri 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *