Antonio Casu
No Comments

Bari, la promozione non è un’utopia

Undici punti in sei partite, otto se si considera la penalizzazione, un gioco esplosivo e diversi giovani di valore. I galletti ora sognano la A

Bari, la promozione non è un’utopia
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

“L’obiettivo resta la salvezza”. Parla chiaro Guido Angelozzi, direttore sportivo del Bari, temendo che le ultime tre vittorie, arrivate contro Modena, Pescara e Palermo, possano destabilizzare oltremisura un ambiente abituato al grande calcio, e che nel grande calcio desidera tornare al più presto.

UN INIZIO DIFFICILE – E dire che questa stagione si era aperta nel peggiore dei modi: tre punti di penalizzazione in campionato per la vicenda Scommessopoli, una situazione societaria confusa e poco chiara, con i Matarrese in procinto di vendere la squadra per tutta l’estate ma poi rimasti al timone, e l’addio doloroso dopo pochi giorni di preparazione dell’allenatore Carmine Gautieri, dimessosi perché, a detta sua, “non c’erano le condizioni per lavorare”, avevano buttato giù la tifoseria biancorossa, pronta a vivere l’ennesima stagione anonima.

L’INIZIO LENTO E LA SVOLTA – Il calendario non aiuta i baresi, che si trovano ad affrontare nelle prime giornate formazioni del calibro di Brescia, Siena, Pescara e Palermo: due 0-0 nelle prime due partite contro Reggina e bresciani, poi la sconfitta a Siena per 3-2. Dopo tre partite il Bari si trova ancora sotto zero, a meno uno, la paura cresce ma la svolta è dietro l’angolo. Nei tre incontri successivi i pugliesi ottengono altrettante vittorie, scalando la classifica con un gioco spettacolare ed un ritmo da promozione.

Nicola Bellomo, ex giocatore del BariUN MERCATO CONVINCENTE – Il principale artefice di questo piccolo miracolo è senza dubbi Angelozzi, abile nel costruire con pochissime risorse una squadra giovane e competitiva, brava a dimenticare presto l’addio di Bellomo, faro dei biancorossi nella scorsa stagione. Fossati e Beltrame sono arrivati dopo esser stati strappati alla concorrenza di diverse squadre di A, mentre i vari Galano, Fedato, Sabelli e Sciaudone, blindati in questi giorni dalla società fino al 2016,  sono calciatori di alto livello per la Serie B, ambiziosi e di grande prospettiva.

LA SCOMMESSA ALBERTI – Ma i meriti di Angelozzi non si fermano qui: dopo gli addii di Torrente e Gautieri, trovare un tecnico all’altezza sembrava essere impresa ardua. La scelta di affidare la squadra a Roberto Alberti, arrivato a Bari in veste di dirigente e catapultato dopo poche settimane in campo, è apparsa a primo impatto quantomeno azzardata. Ma i risultati parlano per il momento a favore dell’allenatore di Fermo, purista del 4-2-3-1 ma passato nella sua esperienza barese ad un solido 4-3-3 tutto muscoli e qualità, in grado di mettere in difficoltà chiunque.

I PROSSIMI IMPEGNI – Le prossime partite diranno qualcosa in più sull’indirizzo che prenderà il campionato dei galletti. Due trasferte ad alto tasso di difficoltà, prima a Lanciano, in casa della seconda in classifica, grande sorpresa di questo inizio di torneo, e poi ad Avellino, neopromossa e attualmente avanti di un punto rispetto ai baresi. Se questi ostacoli verranno superati positivamente gli obiettivi potrebbero cambiare, e l’idea promozione non essere più solo un’utopia.

Antonio Casu
Twitter:@antoniocasu_

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *