Primaldo De Rinaldis
No Comments

Roma, un sogno chiamato scudetto

I giallorossi volano in vetta alla classifica. Rudi Garcia ha garantito alla squadra bel gioco e una difesa solida

Roma, un sogno chiamato scudetto
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
De Rossi e Totti

De Rossi e Totti

Un’inizio così non si aveva dall’anno dell’ultimo scudetto, e ora i tifosi non possono fare altro che sognare e sperare che tutto ciò diventi realtà. La Roma delizia col suo gioco, è una squadra solida che subisce poche reti, solo una in queste prime cinque partite. Ieri sera è arrivata, contro la Sampdoria, l’ennesima dimostrazione di come Rudi Garcia sia riuscito a dare alla squadra un’impronta di gioco ben precisa, e fiducia ai suoi calciatori, con un De Rossi ritrovato e un Totti sempre in splendida forma.

UN PROGETTO CHE FUNZIONA – Ormai da anni si cercava di dar vita a un progetto che potesse riportare la Roma ai vertici del calcio italiano e non solo, ma sul più bello i giallorossi dimostravano fragilità e poca concretezza. Finita male l’esperienza Zeman-Andreazzoli, i dirigenti guidati dal presidente Pallotta,  hanno puntato tutto sul tecnico ex Lille. Garcia sconosciuto a molti, è riuscito a vincere con la sua ex squadra un campionato e una coppa francese, in un torneo dove il Psg era favorito. Arrivato a Trigoria senza l’etichetta del top-allenatore, il francese si è subito messo a lavoro per imporre alla squadra il proprio dettame tattico e la propria idea di gioco.

Aiutato da un mercato di alto livello, il tecnico è riuscito a plasmare una squadra importante eliminando quello che gli scorsi anni era il problema principale: La difesa. In queste prime uscite la Roma ha dimostrato di aver tappato i buchi nel reparto arretrato, con un Maicon ritornato devastante e Benatia che si sta imponendo a livelli altissimi. Tutti i giocatori si sacrificano per raggiungere un unico obbiettivo, chiamato vittoria. Punto fondamentale è stato anche il recupero di un giocatore che sembrava perso. Daniele De Rossi è parte integrante del gruppo,  e il nuovo mister lo considera imprescindibile. Il centrocampista italiano sta ripagando la fiducia ricevuta scacciando le critiche piovute su di lui in passato.Alla squadra manca ancora qualcosa per essere al livello di Juventus e Napoli, specialmente in attacco, dove l’unica alternativa a Totti è Borriello, in attesa del recupero di Destro. Se verrà tenuta lontana dalle critiche e  si darà il tempo di crescere e sbagliare, la Roma potrebbe rivelarsi la squadra rivelazione dell’anno e Garcia potrà certamente imporsi come uno dei migliori allenatori in serie A.

Primaldo Derinaldis

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *