Azio Agnese
No Comments

Gattuso: storia di un esonero già annunciato

Ennesimo cambio di allenatore per il Palermo di Zamparini. Questa volta a pagare le conseguenze delle scelte cervellotiche è Rino Gattuso che lascia la squadra rosanero dopo solo 6 partite

Gattuso: storia di un esonero già annunciato
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Altro giro, altra corsa, ma soprattutto nuovo ribaltone in panchina per il Palermo. Ormai sembra quasi una barzelletta a cui però i palermitani, tifosi della squadra rosanero, non ridono più. Ieri sera a Bari è andata in scena l’ultima partita del Palermo targato Gattuso. L’allenatore calabrese, scelto esclusivamente per il volere del presidente Zamparini, non è riuscito nell’intento di restare al timone di una squadra, costruita secondo i suoi dettami tattici, che ad oggi non pare in grado di “ammazzare” il campionato.

Nelle prime sei giornate di questo campionato – più due di coppa Italia – l’unica cosa venuta fuori è la grinta, ma con le “palle” non si va molto lontano perché il gioco, ad essere sinceri, latitava. L’ex centrocampista del Milan paga forse l’inesperienza in un ruolo tutto nuovo per lui e affidargli una panchina cosi, con un presidente particolare ed una piazza che dopo la retrocessione dell’anno scorso ha voglia di riscatto, è sembrato a molti un azzardo, una scommessa troppo grande da vincere anche se sei stato campione del mondo.

FALLIMENTO GATTUSO O COLPE DELLA SOCIETA’? –  Come dicevamo prima, affidare la panchina a Gattuso per molti è stato un azzardo troppo grande per una società che punta subito a risalire nella massima serie. Ma perché allora è stato scelto Ringhio quando c’erano disponibili allenatori più navigati e profondi conoscitori della B? Questa domanda forse non troverà mai risposta ma sembra chiaro che il presidente Zamparini, l’unico che decide realmente nonostante si attorni di direttori, collaboratori o altro, abbia scelto di portare in panchina un uomo dal carisma ma soprattutto dall’appeal mediatico importante in modo che, nonostante la categoria, il Palermo avesse risalto a livello nazionale.  Dal canto suo Gattuso, nonostante in sede di mercato sia stato accontentato ingaggiando i giocatori da lui indicati (più o meno), non è riuscito a dare un volto preciso alla squadra. Ha costruito una rosa puntando tutto sul 4-2-3-1, quindi con gioco votato all’attacco, ali libere di spaziare e un trequartista fantasioso che faccia da collante con l’unico attaccante. Cosi non è stato, la squadra non ha risposto alle sollecitazioni del suo allenatore. Si è cercato di porre rimedio cambiando modulo tattico, passando ad un più classico 4-3-1-2, ma senza un centrocampista che detti i tempi e che smisti i palloni è dura.  Per il buon Gennaro rimane la consolazione, se cosi si può chiamare, di aver creato un bel gruppo all’interno della rosa del Palermo.

IACHINI IL SOSTITUTO – Già trovato il sostituto che risponde al nome di Beppe Iachini. Il tecnico di Ascoli ha all’attivo già tre promozioni dalla B alla A con Chievo, Brescia e Sampdoria ed inoltre ha già avuto modo di lavorare con Zamparini ai tempi del Venezia. Inoltre è stato a Palermo da giocatore per due stagioni in cui ha lasciato, nei cuori dei tifosi rosanero, un ottimo ricordo. Iachini è in viaggio verso il capoluogo siciliano ed oggi dirigerà il primo allenamento con i rosa.

Azio Agnese
Twitter:@azio82

 

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *