Enrico Cunego
No Comments

Le pagelle di Udinese-Genoa: bene Naldo e Muriel, male Calaiò e Lodi

Molto bene i sudamericani nella squadra di Guidolin, malissimo la prestazione offensiva da parte di uno spento Genoa, che però può contare su Vrsaljko

Le pagelle di Udinese-Genoa: bene Naldo e Muriel, male Calaiò e Lodi
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Udinese-Genoa - Tanto lavoro da fare per Liverani

Finisce 1-0 per i padroni di casa la gara dello Stadio Friuli, una gara dalle poche emozioni che comunque l’Udinese merita di vincere per averci provato con molta più convinzione dell’avversario, parso poco di sposto a provare ad attaccare per i 3 punti. Analizziamo le prestazioni singole di tutti i protagonisti in campo.

UDINESE

Kelava: Il Genoa fatica ad andare alla conclusione e quindi è poco impegnato, ma merita un apprezzamento la buona parata sul diagonale di Konatè sul finire del primo tempo. VOTO: 6

Gabriel Silva: Normale amministrazione sulla fascia, partita senza infamia e senza lode. VOTO:6

Basta: Prestazione opaca per il serbo, che non regala spunti degni di nota ed appare abbastanza stanco. VOTO 5,5

Naldo: Molto attento in difesa dove non lascia passare gli attaccanti avversari, pericolosissimo anche su azioni di calcio d’angolo. VOTO 7

Danilo: Come il connazionale Naldo è attentissimo in difesa e si dimostra abile nel gioco aereo. VOTO 6,5

Heurteaux: Molto bravo sia in fase di chiusura che in quella di ripartenza, anche lui gioca molto bene nell’ottima prestazione difensiva friulana VOTO 6,5

Badu: Perde diversi palloni nel primo tempo, poi migliora grazie al proprio dinamismo nella ripresa VOTO 6

Allan: Il nuovo cervello del centrocampo bianco-nero. I palloni verso gli attaccanti passano sempre dai suoi piedi, assicurando ordine alla manovra e movimento continuo VOTO 6,5

Pereyra: Poco preciso nei passaggi e nullo negli inserimenti, l’argentino mostra tanto impegno ma poca concretezza VOTO 5,5

Lazzari: Subentra nel finale a Pereyra SV

Di Natale: Rimane sempre l’uomo più pericoloso dell’Udinese, provando in più modi a trovare la porta. Trova il vantaggio calciando in modo insidioso la punizione su cui Calaiò si “avventa” per l’autogol che decide la gara VOTO 6,5

Zielinski: Entra al posto di Di Natale nei minuti di recupero SV

Maicosuel: “O Mago” è in un buon periodo di forma e dopo la rete al Chievo gioca anche oggi una buona gara cercando di impensierire più volte la difesa rosso-blu. Ingiusta la sostituzione ad inizio ripresa al posto di Muriel, che non lo farà comunque rimpiangere VOTO 6,5

Muriel (IL MIGLIORE): Sicuramente il giocatore più di quest’Udinese. Parte dalla panchina ed entra nella ripresa, dando velocità e qualità alla manovra offensiva dei suoi. Manda in crisi Portanova il quale commette il fallo da cui scaturisce la punizione che da il gol partita ai suoi. Talento vero. VOTO 7 

All. Guidolin: Vittoria numero 200 in Serie A per il tecnico trevigiano. Difesa solida ed organizzata per lui, attacco che si affida sulla creatività dei singoli. Lascia un pò sorpresi la sostituzione di Maicosuel, ma l’impatto sulla gara di Muriel gli da ragione VOTO 6,5

GENOA

Perin: Pochi interventi per lui, nulla può sul colpo di testa di Calaiò VOTO 6

Gamberini: Presidia tranquillamente la propria area, se la cava nel gioco aereo VOTO 6

Portanova: Bene nel primo tempo ma nel secondo l’entrata di Muriel lo manda in totale affanno, facendogli commettere il fallo sul colombiano da cui scaturisce l’auto-gol partita VOTO 5,5

Antonini: Partita poco convincente la sua, mediocre quando decide di avanzare palla al piede VOTO 5,5

Stoian: Entra nei minuti finali al posto di Antonini per provare a cercare il pareggio, ma ormai è troppo tardi SV

De Maio: Un pò di incertezza quando l’Udinese attacca dalla sua parte, riesce a cavarsela comunque VOTO 6

Vrsaljko (IL MIGLIORE): Altra bella prestazione del croato, che si sta rivelando un giocatore indispensabile per questa squadra. Dalla sua fascia partono sempre spunti interessanti. Se migliora anche in fase difensiva diventa un terzino tra i più interessanti del campionato VOTO 6.5

Bertolacci: Schierato dal primo minuto da Liverani, da una prestazione da fantasma, non riuscendo ad incidere minimamente sull’incontro VOTO 5

Biondini: Entra per Bertolacci all’inizio della ripresa, ma non riesce a mettersi in evidenza VOTO 5,5

Lodi: Ms che succede al centrocampista napoletano? Dopo quella col Livorno anche questa si rivela una prestazione assolutamente confusa ed imprecisa. Dopo il favoloso derby con la Samp sembra aver staccato la spina, ma questo Genoa non se lo può proprio permettere VOTO 5

Cofie: Timido nel primo tempo, prende coraggio nella ripresa quando il Genoa cerca di essere più concreto davanti VOTO 6

Gilardino: Totalmente abulico li davanti, va detto anche che gli arrivano pochi palloni giocabili. Da costruire l’intesa con Konatè VOTO 5

Konatè: Parte a sorpresa dal’inizio al fianco di Gilardino, giocando una buona partita e rendendosi anche molto pericoloso con un diagonale sul finire del primo tempo VOTO 6,5

Calaiò: Il “match-winner”. Entra all’inizio della ripresa al posto del buon Konatè. Liverani spera in questo modo di sfruttare l’esperienza del palermitano, che però è nullo in attacco e sul finale della gara devia con un colpo di testa nella propria porta la punizione di Di Natale. Sfortunato VOTO 5

All. Liverani: Il suo Genoa sembra essere scomparso dopo il trionfale derby vinto solo una 10 giorni fa. Tra sabato ed oggi inanella prestazioni opache ed assolutamente inconsistenti offensivamente parlando. Ha coraggio nel puntare su Konatè, ma con un Calaiò dal primo minuto la musica sarebbe stata diversa? VOTO 5

Enrico Cunego

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *