Orazio Rotunno
No Comments

Thohir, il mercato parte dai dirigenti: Leonardo è pronto, via Branca

La rivoluzione in casa neroazzurra parte dai vertici: ancor prima delle mosse di mercato e ripianamento del bilanci, saranno i piani alti al centro di acquisti e cessioni illustri

Thohir, il mercato parte dai dirigenti: Leonardo è pronto, via Branca
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Branca lascia l'InterL’Inter è pronta al cambio di rotta, il più atteso e clamoroso per certi versi, dopo 105 anni di storia. Moratti voleva che la sua “creatura” e quella di suo padre tornasse ai vertici del calcio mondiale, per rimanerci a lungo. Lui non poteva più garantirlo, il passaggio di consegna è diventato necessario ma difficile, per gli interessi e i sentimenti in gioco. Thohir avrà un approccio per gradi con il mondo neroazzurro, ma le idee sono chiare: nuovi dirigenti, via Branca, dentro Leonardo. ma è solo l’inizio.

“INDOINTER” IN ALLESTIMENTO: LEONARDO IL PITTORE – Come una tela preziosa sulla quale dipingere un nuovo affresco, l’Inter cerca una mano morbida e sapiente per disegnare al meglio gli orizzonti del futuro. Thohir è il mandante, Leonardo l’incaricato: sul nome del brasiliano c’è un accordo con Moratti, che conserva immutata stima per l’ex allenatore anche dopo l’inatteso addio nell’estate 2011. Toccherà a lui ricominciare, ricreare una squadra vincente e soprattutto giovane. Perchè è su questo che il presidente indonesiano punta: garantirsi i migliori prospetti, accrescere il brand Inter nel mondo e avere un nuovo stadio. E la persona migliore dalla quale ripartire sembra proprio Leonardo, legato a Milano e alla famiglia Moratti, con tutta l’intenzione di svolgere quello che da sempre ha giudicato essere il suo lavoro ideale: dirigente, non allenatore.

Ma non c’è posto per due galli nel pollaio, e allora ecco che Marco Branca è pronto con le valigie in mano. Le ultime tre campagne acquisti pesano come un macigno sulla sua valutazione e credibilità, era dirigente anche nei 7 anni conditi da 15 titoli, vero, ma la disponibilità di Moratti all’epoca era massima e Mancini e Mourinho sapevano farsi sentire. Problema di personalità e competenza a budget ridotti sono emersi: Piero Ausilio resterà probabilmente, forte della sua conoscenza a livello mondiale dei giovani. Per molti un sospiro di sollievo, quasi un esultanza pari al gol di Milito ieri col Sassuolo: Branca via dall’Inter è stata una delle richieste più sollecitate dalla tifoseria neroazzurra negli ultimi anni.

L’arrivo di Leonardo non si concretizzerà prima di gennaio, ma non avrà effetti sul mercato. Occorre risanare il bilancio e lavorare su rinnovi e rescissioni di contratti onerosi: gli eroi del triplete dovrebbero tutti andar via a giugno 2014, con l’unica eccezione di Milito. A fine ottobre l’attesissimo Cda, dopo di che l’era Moratti ufficialmente si chiuderà: sarà “IndoInter“, con il primo Presidente asiatico nella storia di una società italiana.

Orazio Rotunno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *