Andrea Sartorio
1 Comment

Vettel è di un altro pianeta. Le pagelle del GP di Singapore

Ennesima gara impeccabile del tedesco. Ottimi anche Alonso e Raikkonen

Vettel è di un altro pianeta. Le pagelle del GP di Singapore
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Ecco le pagelle della sesta edizione del GP di Singapore, tredicesimo appuntamento del mondiale 2013 di F1, che ha sancito l’imbarazzante dominio di Sebastian Vettel. Più sessanta su Alonso e quarto titolo iridato sempre più vicino.

VETTEL 10+: un alieno, un extraterrestre è sceso a Singapore. Pole, vittoria e distacchi abissali dati ai suoi “avversari”. Mai come ieri il tedesco ha mostrato che è un campione. Neanche l’ingresso della Safety Car dà brio a un Gp “ammazzato” dal fenomenale pilota Red Bull. Terza vittoria consecutiva del 2013 e a Marina Bay, la settima stagionale e la numero trentatré in F1. Semplicemente perfetto.

ALONSO 9: per la terza volta di fila arriva dietro a Vettel. Partenza impeccabile e secondo posto da incorniciare, ma non basta di nuovo per intaccare la leadership imbarazzante di Sebastian. Non si rassegna mai e vince la gara tra gli umani… Encomiabile. Ottavo podio del 2013 e il numero novantaquattro in F1.

Kimi Raikkonen, pilota 2013 della Lotus

Kimi Raikkonen, pilota della Lotus

RAIKKONEN 8,5: il risveglio di Iceman. Dopo due gare pessime, Kimi ritrova il podio e il sorriso nonostante un problema alla schiena. Da dimenticare solo le pessime prove (tredicesimo). Settimo podio stagionale e il numero settantasei in F1.

HULKENBERG 7,5: dopo il quinto posto di Monza, Nico arriva nono e per la sesta volta va a punti. La vera forza di una Sauber in lieve miglioramento.

MERCEDES 7: la scuderia perde tempo e posizioni nella seconda sosta e solo alla fine recupera diverse posizioni. Rosberg (partito secondo) poteva fare di più del quarto posto finale. Gara abbastanza anonima invece per Hamilton (quinto).

MCLAREN 6,5: a quindici giri dal traguardo la scuderia britannica sognava il primo podio stagionale con Button (settimo), ma in poche tornate il campione del mondo del 2009 e Perez (ottavo) perdono varie posizioni per l’usura delle gomme. Stagione travagliata, ma segnali di crescita.

DI RESTA 4: genio e sregolatezza. Quarto ritiro consecutivo per lo scozzese, che dopo aver conquistato trentasei punti nelle prime otto corse, ha piazzato solo un undicesimo posto in Germania. Bravo ma discontinuo.

Andrea Sartorio

Share Button

One Response to Vettel è di un altro pianeta. Le pagelle del GP di Singapore

  1. fil 23 settembre 2013 at 15:54

    ma se ad uno si rompono i freni in una gara, significa che ha dormito per due gare?
    qui mi sa che quelli che si devono svegliare sono altri, a cominciare da chi parte dietro a massa e sta bell’è buono dietro a di resta (che non è un genio) che aveva gomme finite da un pezzo.
    se citi di resta (genio?)dovresti anche citare l’erroraccio di ricciardo.
    infine credo rosberg e hamilton così come button e perez meritino considerazione come singoli, non come squadra dato che, di fatto, sono persone separate.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *