Fabio Pengo

Prandelli e la Nazionale: “Gli Italiani sanno sorprendere”

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

COVERCIANO, 21 MAGGIO – Al termine della prima sessione di allenamento della selezione azzurra in vista di approdare in Polonia e Ucraina, Cesare Prandelli si è presentato sereno alla conferenza stampa tenutasi oggi pomeriggio all’interno della sala stampa del centro sportivo di Coverciano. Le prime parole del ct azzurro sono state per Mario Balotelli che in questa stagione si è messo in luce non solo per le sue prestazioni in campo ma anche per il gossip all’esterno del rettangolo verde: “Non so se gli parlerò, e se sarà credo che sarà lui a dovermi dire qualcosa. Per me, può pensare che questa è un’occasione straordinaria per se e per la Nazionale. Per far parlare di se solo sul campo“. Lo scopo di Prandelli è quello di spronare il giovane attaccante a dare il meglio in questa nuova avventura che può mettere in risalto le sue doti spettacolari che lo hanno reso il beniamino dei tifosi dei Citizens.

Dopo aver detto ciò ha espresso la sua opinione sul resto del gruppo che pare molto affiatato e pronto per i prossimi impegni e alla domanda  dei giornalisti se gli Azzurri possono aspirare al titolo europeo, l’ex tecnico di Fiorentina, Roma e Parma ha risposto: “La Nazionale non parte strutturalmente per vincere l’Europeo ma mi piace dire che gli italiani sanno sorprendere“. Infine ha commentano l’increscioso avvenimento che si è consumato durante l’inno di Mameli nella finale di Coppa Italia che ha visto protagoniste Napoli e Juventus:”Quella di ieri a Roma è un pagina brutta, qualsiasi inno va rispettato. Dovremmo imparare il rispetto anche durante il minuto di silenzio, rimanendo davvero tutti zitti. Quando senti cose del genere hai un senso di indignazione forte“.

Fabio Pengo

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *