Redazione

Spettacolo al Friuli: Udinese-Napoli 2-2

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

 

UDINE, 18 MARZO – Termina in parità (2-2) lo spareggio Champions tra Udinese e Napoli. I bianconeri  in vantaggio sul 2-0 si fanno rimontare da un indiavolato Cavani.

LA PARTITA – Vincere per dimenticare le delusioni europee: è questo il diktat di Udinese e Napoli che al Friuli si affrontano per il terzo posto. La partita inizia sotto il segno del Napoli: dopo pochi minuti Cavani, dopo una corsa di 50 metri,  si trova davanti alla porta dell’Udinese ma il suo tiro sbilenco non impensierisce Handanovic. L’Udinese sale di intensità, mette sotto pressione il Napoli fino a trovare il gol con Pinzi al 28′. Il copione non cambia neanche nel secondo tempo e Di Natale al 7′ approfitta di un’altra amnesia difensiva napoletana.  Al 15′ cambia la storia della gara: Fabbrini commette fallo su Campagnaro, si becca il secondo giallo e finisce anzi tempo la sua partita. Con la superiorità numerica, Mazzarri decide di impostare in maniera offensiva la sua squadra e manda in campo Hamsik ed Edu Vargas.  Sugli sviluppi di una sortita offensiva, Domizzi tocca il pallone con la mano in area: per Rocchi non ci sono dubbi, è rigore. Cavani fa partire un tiro centrale e facilita l’intervento di un incredulo Handanovic.  Gli animi sono riscaldati, la posta in palio è elevata e Guidolin protesta tanto animosamente da meritarsi l’espulsione. L’Udinese senza il suo allenatore e con un uomo in meno tiene finché può: al 35′ Domizzi, sempre lui, atterra Dzemaili al limite dell’area. Cavanti batte la punizione, fa secco Handanovic e riapre la gara: 2-1. L’uruguaiano, galvanizzato dal gol, trascina il suo Napoli fino a siglare il pareggio al 40′ con una pregevole conclusione. Gli ultimi minuti sono concitati, ma il risultato non cambia. Al Friuli finisce 2-2.

UOMO PARTITA SPORT CAFE- CAVANI 7,5 Entra in campo e commette alcuni errori che non sono da vero Matador. Il rigore sbagliato sembra l’emblema di una gara maledetta. Tuttavia nei momenti di difficoltà, si riconoscono i veri campioni: prende per mano la squadra, sigla una doppietta e salva il Napoli. Trascinatore.

Michele Lestingi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *