Redazione
No Comments

Pescara-Bari, tutto pronto per il derby dell’Adriatico

Le due squadre cercano la svolta in terra abruzzese

Pescara-Bari, tutto pronto per il derby dell’Adriatico
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Esultanza del Pescara dopo un gol

Esultanza del Pescara dopo un gol

Evoca ricordi di Serie A la sfida tra Pescara e Bari, due delle rappresentanti del centro-sud presenti nel torneo di Serie B Eurobet 2013/2014. Questo pomeriggio le due formazioni scenderanno in campo all’Adriatico per la quinta giornata di campionato: sin qui delfini e galletti hanno raggranellato lo stesso bottino di punti, 5 in 4 partite, frutto di una vittoria, due pareggi e un ko a testa, ma sono distanziate da tre lunghezze, frutto della penalizzazione subita in estate dal Bari.

 NUMERI – Nell’ultimo turno è arrivata la prima sconfitta per il Pescara, ko 2-3 in quel di Varese; di contro il Bari ha trovato il primo sorriso, superando per 1-0 il Modena. Nelle prime due partite interne 4 punti per gli abruzzesi, grazie al 3-0 sulla Juve Stabia e al 2-2 contro il Crotone, mentre fuori casa il Bari ha ottenuto un punto, frutto dello 0-0 di Reggio Calabria e del 2-3 di Siena. Numeri opposti in sede realizzativa: il Pescara è andato in rete 9 volte, con Maniero mattatore a quota 4, mentre sono solo 3 i centri messi a segno dai baresi (Calderoni, Galano e Ceppitelli). Sul fronte gol subiti gli adriatici ne hanno incassati ben 7, a fronte dei 3 baresi, con gli ospiti che hanno tenuto la porta inviolata in 3 occasioni su 4.

GLI EX – Quattro sono i calciatori oggi in forza a Bari e Pescara, già transitati in passato sull’altra sponda calcistica: parliamo del biancorosso Andrea De Falco, a Pescara nella stagione 2006/2007 con 25 presenze, del difensore mancino Andrea Rossi, oggi in biancozzurro ma l’anno scorso a Bari da gennaio a giugno con 16 partite all’attivo, di Ferdinando Sforzini, 8 presenze e 0 reti in A a Bari quattro anni fa, e Riccardo Maniero, in rosa nel 2008/2009 a Bari ma mai impiegato. Nel passato tanti sono stati i calciatori transitati tra Pescara e Bari: da Carmine Gautieri a Filippo Antonelli Agomeri, passando per Federico Giampaolo, nel 1992/1993 a Bari con 20 presenze e 1 gol e oggi allenatore del Pescara Primavera.

PRECEDENTI – Quello di sabato sarà il 37esimo incrocio della storia tra Pescara e Bari, il numero 19 in Abruzzo: l’ultimo match all’Adriatico risale al 31 Marzo 2012, match terminato 1-2 per effetto delle reti di Immobile, Scavone e Bellomo, quest’ultimo autore di un’autentica prodezza dai 50 metri. L’ultima vittoria dei padroni di casa è datata 26 Novembre 2005, con gol di Matteini al 78′, mentre il pareggio più recente è del 6 Gennaio 2005: vantaggio abruzzese con Giampaolo, reti baresi con Carrus e Scaglia, pareggio adriatico con Sbrizzo. La vittoria barese più larga è del 24 maggio 1981, Bari-Pescara 3-0, mentre l’8 marzo 1942 il Pescara ottenne il successo migliore della sua storia contro il Bari per 2-0. All’Adriatico 9 sono state le vittorie abruzzesi, 5 i pareggi e 4 i sorrisi ospiti (25-15 il computo delle reti), mentre complessivamente sono 12 le vittorie baresi, 13 i segni “X” e 11 i successi abruzzesi.

PROBABILI FORMAZIONI

PESCARA (4-3-3): Pelizzoli; Balzano, Schiavi, Capuano, Rossi; Nielsen, Viviani, Ragusa; Cutolo, Maniero, Politano (Mascara). All: Marino.

BARI (4-3-3): Guarna; Sabelli, Ceppitelli, Polenta, Calderoni; Defendi, Fossati (Romizi), Sciaudone; Galano, Joao Silva (Beltrame), Fedato. All: Alberti-Zavettieri.

Arbitro: Ostinelli di Como

Luca Guerra

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *