Nicoletta Pezzino
No Comments

Le pagelle di Milan-Celtic 2-0

Con una squadra incerottata, il Milan acciuffa la vittoria con i gol di Zapata e Muntari. Bocciata la qualità di gioco ma i tre punti dono d'oro

Le pagelle di Milan-Celtic 2-0
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Muntari, autore del secondo gol del Milan

Muntari, autore del secondo gol del Milan

Un Milan di carattere e poco altro riesce a centrare l’unico obiettivo che gli era strettamente richiesto: portare a casa i tre punti contro un modestissimo Celtic. La qualità di gioco, per adesso, può attendere quando El Shaarawy, Montolivo, De Sciglio, Abate e Kakà fanno da spettatori e sei costretto a portarti dietro quattro giovani della Primavera in panchina. Ecco le pagelle del match:

MILAN

ALL. ALLEGRI 5: La formazione quasi obbligatoria non è una sua colpa, il gioco e i cambi si. Sostituzioni inutili come l’entrata in campo del tutto fare Emanuelson che prima prende il posto di Birsa come trequartista, poi viene spostato come terzino sinistro ma l’olandese di certo non cambia la partita. Ieri sera se l’è cavata con i tre punti, perché è questo quello che contava, ma vedere un Milan ridotto in questo stato non è bello spettacolo.

ABBIATI 6: Per il portiere rossonero non è stata una partita troppo impegnativa. Nel primo tempo una sua leggerezza regala una punizione a due per il Celtic e un brivido al Milan. Si rifà nel secondo tempo con un’uscita su Commors.

ZACCARDO 5,5: LO scarso impiego da quando è arrivato al Milan si vede. Meglio rispetto alla partita di Torino, prova a spingere ma è ancora timido.

ZAPATA 6: La seduta in area provoca un altro sussulto ai tifosi rossoneri però ho il merito di aver sbloccato una partita difficilissima. Gol o autogol di Ambrose poco importa, i tifosi ringraziano lo stesso.

MEXES 6: Il francese risolve alcune situazione che potevano essere pericolose e cerca di dare una mano anche in fase offensiva.

CONSTANT 5: discreta prova del francese che ancora non è al meglio della condizione e per questo spinge poco e in maniera inconcludente. Mette però una pezza all’erroraccio di Abbiati murando di schiena la punizione a due degli avversari.

NOCERINO 4: Ha il compito di sostituire Montolivo e lo fa nel peggiore dei modi. Se non fosse stato per il tiro tentato nella prima mezz’ora di gioco non ci saremmo nemmeno accorti della sua presenza in campo. La panchina l’ha reso un giocatore svuotato e senza fiducia.

DE JONG 6,5: Non è in grado di impostare il gioco in mezzo al campo ma è il condottiero di questo Milan. L’olandese si immola su Brown e salva il momentaneo 0-0.

MUNTARI 5,5: Si divora il gol del vantaggio nella ripresa sparando alto di testa un cross di Zapata ma rimedia trovando il gol del 2-0 anticipando, inrealtà, Matri. Mezzo voto in più per il gol ma l’intera prestazione è deludente.

BIRSA 5: Le premesse nei primi minuti di gioco sembrano buone servendo un assist pregevole a Balotelli. Poi scompare dal campo e nel secondo tempo viene sostituto da Emanuelon.

MATRI 5,5: Ci si aspettava di più dalla “bestia nera” del Celtic. IL feeling con Balotelli non è lo stesso di quello mostrato nelle precedenti uscite e la prestazione poco sufficiente è dovuto anche dalla mediocrità dei passaggi che gli arrivano dal centrocampo.

BALOTELLI 6,5: Intuisce che la serata è una delle più critiche e cerca di mettersi in spalle tutta la squadra. Ci prova già nei primi tre minuti con un tiro violento ma centrale. All’85’ calcia una bellissima punizione che però il portiere Forster riesce a respingere con una mano ma non può far nulla su Muntari che la metta in rete.

Emanuelson s.v.

Poli s.v.

Robinho s.v.

CELTIC

ALL. LENNON 6: Prepara un match difensivo, avrebbe meritato anche il pareggio contro un Milan poco pericolo.

FORSTER 6: Dice di no a Balotelli in due occasioni, sfortunato sulla deviazione del gol di Zapata e fa quello che può sulla punizione di Mario del 2 a 0.

LUSTIG 6: Un centrale difensivo che viene spostato come terzino destro, per questo difende bene ma avanza poco sulla fascia.

VAN DIJK 6: Ha il compito insieme ad Ambrose di non lasciar fiatare la coppia di attaccanti rossoneri, soffre poco con un innocuo Matri.

AMBROSE 6,5: Fisicamente e tatticamente è un muro, insieme al compagno limita le giocate Di Matri e Balotelli.

IZAGUIRRE 6: Spinge sulla fascia soprattutto nel primo tempo. Meno intraprendente nella ripresa.

MATTHEWS 6,5: Uno dei migliore dei suoi ieri sera, sempre presente in ogni azione offensiva del Celtic.

BROWN 6: Corsa, grinta e cattiveria. Sfiora il gol del vantaggio ma si trova sulla sua strada De Jong che in quanto a cattiveria agonistica non vuole sfigurare.

MULGREW 6: Il centrocampista gioca tanti palloni in mezzo al campo sbagliando poco o niente.

COMMONS 5,5: Non riesce mai ad essere realmente pericoloso ma si da fare in copertura.

SAMARAS 6: I rossoneri ne soffrono la fisicità, riesce a creare alcuni spunti in progressione.

STOKES 6: Il più pericolo dei suoi, riesce a mettere a sedere Zapata nel primo tempo andando vicino al gol mentre nel secondo tempo solo la traversa gli impedisce di segnare.

Pukki s.v.

Boerrigter s.v.

Nicoletta Pezzino

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *