Redazione
No Comments

Amburgo, esonerato il tecnico Thorsten Fink

All'allenatore è costata cara la sconfitta per 6-2 contro il Borussia Dortmund. In generale però sin qui è il cammino della squadra che non ha convinto, l'Amburgo ha infatti totalizzato solamente 4 punti in 5 gare.

Amburgo, esonerato il tecnico Thorsten Fink
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Era ormai nell’aria da qualche giorno, adesso l’esonero di Thorsten Fink dalla panchina dell’Amburgo è una realtà. All’allenatore sono costate care in particolar modo le ultime due brutte sconfitte, avvenute per mano del Borussia Dortmund e dell’Hoffenheim. Sconfitta per 6-2 contro gli uomini di Klopp e per 5-1 in casa contro il più modesto Hoffenheim.

Chi è Thorsten Fink. Al momento sicuramente la sua carriera da giocatore risulta più importante di quella svolta sin qui come allenatore. Infatti quando Fink calcava ancora sui terreni di gioco, può vantare otto stagioni tra le fila del Bayern Monaco, squadra con la quale ha vinto 4 campionati tedeschi, 3 coppe di Germania e una Champions League nel 2001 contro il Valencia, competizione nella quale è riuscito a raggiungere la finale anche nel 1999, perdendo però contro il Manchester United. Da allenatore invece, dopo un periodo di gavetta come vice di Trapattoni al Red Bull Salisburgo, ha le sue possibilità all’Ingolstadt prima, e al Basilea dopo, squadra con la quale da tecnico è riuscito a raggiungere le soddisfazioni migliori, vincendo due campionati elvetici e una coppa svizzera.

Il suo approdo all’Amburgo. Sicuramente, visti gli ottimi risultati ottenuti con il Basilea, l’Amburgo si aspettava di raggiungere traguardi più elevati con lui alla guida. Ciò è dettato anche dal fatto che l’ormai ex allenatore della squadra tedesca fu pagato nell’Ottobre del 2011 circa 800.000 dal Basilea per sostituire Michael Oenning. Infatti, togliendo l’inizio di questa stagione, Fink nelle due stagioni sulla panchina dell’Amburgo ha racimolato più brutti risultati che positivi, chiudendo al settimo posto la scorsa stagione e addirittura al quindicesimo, a ridosso della zona retrocessione, nella stagione precedente. Eppure la società non ha mai smantellato la squadra, rinforzandola con acquisti di qualità come Van Der Vaart, Badelj, Rudnevs, Jiracek e Djourou.

Thorsten Frink sulla panchina dell'Amburgo

Thorsten Fink sulla panchina dell’Amburgo

I motivi del suo esonero. Come già detto in precedenza, oltre alle due stagioni passate non esaltanti, su Thorsten Fink pesa particolarmente l’inizio disastroso di questa stagione, ed in particolar modo pesano le due pesanti sconfitte contro Dortmund e Hoffenheim. In aggiunta a tutto ciò, la dirigenza del club tedesco non avrebbe per nulla digerito la scelta di Fink di passare la domenica con la propria famiglia ed abbandonare la squadra, invece di mettersi subito al lavoro per preparare la prossima delicata sfida contro il Werder Brema.

I probabili successori. Ora in casa Amburgo cominciano a circolare i nomi del suo possibile sostituto che, vista la precaria posizione di classifica, serve trovare il prima possibile per non lasciare la squadra scoperta. I primi nomi che stanno circolando sono quelli di Markus Babbel e Franco Foda. Il primo ha maturato esperienza sulle panchine di Stoccarda, Herta Berlino ed Hoffenheim, mentre il secondo ha passato numerose stagioni come assistente ed allenatore dello Sturm Graz, squadra austriaca, prima di tentare l’esperienza in Germania con il Kaiserslautern.

Enrico Trivia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *