Antonio Fioretto
No Comments

Milan, Allegri l’eretico: la difesa è al top

Il tecnico del Milan protagonista di una dichiarazione che farà discutere: "Non ci sono difensori meglio dei nostri"

Milan, Allegri l’eretico: la difesa è al top
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Che gli allenatori, i calciatori, i presidenti e tutto il resto della banda che anima il mondo del pallone fossero degli spudorati mentitori e dei veri e propri attori mediatici, lo sapevamo da un pezzo. La mancanza di onestà, nell’ambiente pallonaro, è molto spesso una solida copertura per tecnici a rischio esonero e patron dati in pasto alla folla. Stavolta, tuttavia, si ha l’impressione che il buon Massimiliano Allegri, guida tecnica del Milan, abbia un pò esagerato.

ERESIA In un’intervista a Sport Mediaset inerente la prossima sfida contro il Torino, Max s’è lasciato sfuggire una dichiarazione che ha quasi dell’ eretico: “Problemi in difesa? In giro difensori meglio dei miei non ne vedo. Le opinioni sono il sale della vita, ed ognuno ha diritto ad avere le proprie. Tuttavia, a volte sarebbe utile manifestare la preziosa dote dell’ obiettività. E, in tutta franchezza, mister Allegri stavolta ha steccato davvero.

MOSSA PSICOLOGICA O GAFFE? Un allenatore deve a tutti i costi difendere i propri giocatori. Su questo non ci piove. Allegri lo ha fatto nel migliore dei modi, oltrepassando però il confine dello stucchevole e del cocciuto. La difesa rossonera è composta dai seguenti nomi illustri: Mexes, Zapata, Bonera, Zaccardo, Abate, De Sciglio, Constant e Silvestre. Analizzando solo le ultime due stagioni, la retroguardia degli “imperforabili” ha subito 72 gol, tenendo conto esclusivamente del campionato. Insomma, non proprio quello che si definisce un muro invalicabile.

CI VUOLE POCO A volte basterebbe solo non esporsi. Nessuno chiede ad Allegri di criticare il proprio operato, quello dei propri giocatori o quello (magari) della propria dirigenza (nell’ultimo mercato presi Kakà e Matri, ma zero difensori). In maniera analoga, però, nessuno gli ha chiesto di piazzare la propria retroguardia sul piedistallo d’Europa. Il Milan nel Ranking Uefa per club è dodicesimo. Scommettiamo che le altre undici che la guardano dall’alto abbiano una difesa leggermente superiore?

Antonio Fioretto

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *