Andrea Bonfantini
No Comments

Eurobasket 2013: Dragic scatenati, prima sconfitta per l’Italia contro la Slovenia

L'Italia cade a Lubiana contro la Slovenia e si complica la vita in ottica passaggio del turno, fondamentale la partita di domani contro la Croazia

Eurobasket 2013: Dragic scatenati, prima sconfitta per l’Italia contro la Slovenia
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Primo stop in questo europeo per l’Italia del basket sconfitta 84 – 77 dai padroni di casa della Slovenia, risultato che complica il discorso qualificazione rendendo fondamentale la partita di domani contro la Croazia.

AFFARE DI FAMIGLIA – Sin dalle prime battute si intuisce che non sarà una serata facile per i ragazzi di Coach Pianigiani, primi nel girone con 4 punti in cerca di una vittoria che renderebbe una formalità l’approdo ai quarti. Le stelle Slovene, caricate dal caloroso pubblico di Lubiana, iniziano a colpire dall’arco con Nachbar e in penetrazione con i fratelli Dragic impegnando non poco la difesa dell’Italia, tenuta a galla nel primo quarto da Aradori ed il sempre generoso Cusin. Sono proprio di due fratelli sloveni a salire in cattedra dal punto di vista tecnico e caratteriale regalando al pubblico amico grandi giocate, difese arcigne e tanta intensità, fattore fondamentale in una partita “sporca” come questa. Con il suo solito cuore l’Italia tiene botta e rimane in linea di galleggiamento con la speranza di riacciuffare la Slovenia e giocarsela nell’ultimo e decisivo quarto.

RIMBALZI E SFORTUNA – Inizia l’ultimo periodo con l’Italia a soli tre punti dagli sloveni e in rimonta continua da metà terzo quarto. Si lotta su ogni pallone a Lubiana ma, come sempre , nel basket la spunta chi fa sua la battaglia a rimbalzo: il solo Cusin è spesso costretto a dover far fronte a tre avversari a rimbalzo, Datome prova a dargli una mano usando la sua esplosività ma non è abbastanza e la Slovenia fa suoi ben 15 rimbalzi offensivi di 45 totali che tagliano letteralmente le gambe alla difesa dell’Italia. L’enorme talento di Gentile ci riporta nonostante tutto a meno tre dalla Slovenia quando il cronometro del quarto conclusivo segna 1 minuto e 30 secondi, ma la fortuna non ci assiste e un paio di palloni vaganti finiscono nelle mani dei padroni di casa che monetizzano al massimo e chiudono la pratica sul l’ 84 a 77.

Marco Belinelli non è riuscito a trascinare l'Italia contro la Slovenia

Marco Belinelli non è riuscito a trascinare l’Italia contro la Slovenia

 TOP & FLOP – Serata da ricordare per la famiglia Dragic con Goran e Zoran che sfoderano una partita esemplare combinando 37 punti e 13 rimbalzi, veri trascinatori della nazionale slovena. Per l’Italia ottima prova di Gentile (20 punti per lui ieri sera) , vero go to guy della nostra nazionale nell’ultimo quarto, a cui fa compagnia il lottatore di sempre Cusin che, nonostante le fatiche a rimbalzo, tiene sempre botta in difesa limitando i danni sulle incursione avversarie. Male questa volta Marco Belinelli: eroe e trascinatore nelle partite del primo girone ed mvp contro la Grecia, perde contro la Slovenia lucidità e precisione intestardendosi con conclusioni forzate e senza senso rispecchiate dal suo 3 su 15 finale. Meno incisivo del solito anche Nicolò Melli messo sotto a rimbalzo ed impreciso in alcune ripartenze che ci sono costate care.

Come dichiarato dal coach Pianigiani nel post partita si fa ora dura per l’Italia che affronterà le ancor più temibili Croazia e Spagna, alla ricerca di una vittoria che nella mente e nei piani degli azzurri doveva arrivare ieri contro gli sloveni. Si torna in campo domani alle 14.30 contro la corazzata croata dove servirà più decisione a rimbalzo e qualche ingenuità difensiva in meno. Nulla è perduto ma il tempo per ritrovarsi per l’Italia è davvero poco.

PROGRAMMA E CLASSIFICA

CROAZIA – ITALIA   14/09/2013  ore 14.30

SPAGNA  – FINLANDIA 14/09/2013  ore 17.45

GRECIA – SLOVENIA  14/09/2013  ore 21

ITALIA 5, SLOVENIA 5, CROAZIA 5, SPAGNA 4, GRECIA 4, FINLANDIA 4.

Andrea Bonfantini

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *