Enrico Cunego
No Comments

Liga BBVA 4^ giornata: Barça all’esame di Siviglia, Real-Villareal

La partita di cartello di questa quarta giornata è sicuramente Villareal-Real Madrid, il Barcellona al Camp Nou ospita il Siviglia, mentre l'Atletico riceverà i biancorossi andalusi. Occhio anche a Betis-Valencia.

Liga BBVA 4^ giornata: Barça all’esame di Siviglia, Real-Villareal
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Cristiano Ronaldo nel mirino del MonacoDopo la sosta per le nazionali riparte il massimo campionato spagnolo, con una quarta giornata che si preannuncia all’insegna del divertimento ed in cui spicca un Villareal-Real Madrid come match di giornata. Ma analizziamo tutti gli incontri della giornata.

SABATO – Niente posticipo del venerdì, si parte il sabato con l’incontro delle 16 tra Atletico Madrid ed Almeria, che si giocherà al Vicente Calderon, tana dei “colchoneros”. Un impegno sulla carta semplice per gli uomini del “Cholo” Simeone, che possono volare in vetta a quota 12 dopo 4 gare approfittando anche  dello scontro tra “submarino amarillo” e “merengues”. Dall’altra parte, i “roji-blancos” neopromossi cercheranno di fare uno sgambetto a Villa e compagni, confidando in una buona vena realizzativa che ha permesso alla compagine andalusa di segnare 6 reti in queste prime 3 gare. Peccato per la fase difensiva, che ha incassato, invece, 7 reti, impedendo al club di raggiungere la prima vittoria stagionale. Sembra che per la vittoria bisognerà aspettare il week-end prossimo, la gara madrilena non sembra quella buona per ottenere i primi 3 punti della “temporada”. Alle 18 ecco in scena la Real Sociedad, che giocherà sul campo del Levante, formazione a quota 4 punti in classifica e reduce dalla prima vittoria stagionale ottenuta in quel di Vallecas, sul campo del Rayo Vallecano, grazie ad un gol all’ultimo secondo di Ivanschitz, riprendendosi così dallo scioccante 7-0 rifilato dal Barcellona al’esordio. Sociedad anche lei con 4 punti dopo le prime 3 giornate, ma c’è da dire che le prestazioni sono state condizionate dal preliminare di Champions League con il Lione. Champions League che tornerà all’Anoeta martedì prossimo per il debutto dei bianco-blu contro lo Shaktar Donetsk nella fase a gironi. Baschi che devono riscattare l’1-2 subito dall’Atletico Madrid, assisteremo sicuramente ad un incontro divertente. Sabato che rappresenta il piatto forte della giornata, perchè sono impegnate tutte le squadre migliori del momento. Alle 20, infatti, scende in campo il Barcellona, pronto ad ospitare al Camp Nou il Siviglia di Carlos Bacca e Kevin Gameiro, punte degli andalusi chiamate a creare problemi alla retroguardia blau-grana in questa complicatissima trasferta. Bianco-rossi a soli due punti dopo 3 giornate e difficilmente la vittoria dovrebbe arrivare nel fortino inespugnabile dei catalani, che mercoledì ospiteranno l’Ajax nel debutto di Champions. Siviglia anch’esso impegnato in Europa con la trasferta portoghese di Europa League, dove sarà ospite dell’Estoril. Tornando al Barcellona, la squadra del Tata Martino deve approfittare della sfida tra Villareal e Real Madrid per provare a dare un primo scatto contro gli odiati rivali madridisti, cercando anche di non sprecare troppe energie per l’imminente debutto in Champions. Ed ecco che alle 22 il sabato si concluderà con il match più atteso della giornata: quello che vedrà opposti il neopromosso Villareal ed il glorioso Real Madrid. La squadra della provincia valenciana di Castellon è partita alla grande in questa stagione di ritorno nella Liga, con 3 autorevoli vittorie contro Almeria, Valladolid ed Osasuna, segnando 8 reti e subendone 3. Finora ottimo il lavoro di Marcelino Garcia Toral, che dopo la bella cavalcata verso la promozione dell’anno scorso, sta continuando ad ottenere grandi risultati anche in massima serie, con una squadra trascinata dal talento di Giovanni Dos Santos, giocatore ch e in questa stagione sembra poter esplodere definitivamente. Esame molto impegnativo per i “blancos” anch’essi a punteggio pieno dopo 3 gare e con all’orizzonte la difficile trasferta nella bolgia dello stadio del Galatasaray. Ancellotti non vuole assolutamente dare la possibilità a Barcellona ed Atletico di allungare e cercherà il bottino pieno in quel del Madrigal. Villareal che sogna l’impresa, ma la sfida è forse troppo tosta anche per una squadra in salute come gli “amarillos”.

DOMENICA – Ultimo giorno della settimana che si apre con l’ormai consueto appuntamento di mezzogiorno. Di fronte il Granada di Alcaraz opposto all’Espanyol del tecnico messicano Aguirre. Andalusi che dopo 3 giornate possono vantare un buon bottino di 4 punti, frutto di una vittoria all’esordio a Pamplona con l’Osasuna e del pareggio a Vigo contro il Celta. In mezza un dignitoso 0-1 contro il Real al Nuevo Los Carmenes, stadio di casa in cui i bianco-rossi cercheranno la prima vittoria casalinga. Espanyol che arriva alla sfida imbattuto dopo 2 pareggi con Celta e Betis e la bella vittoria contro il Valencia. 5 punti che possono essere incrementati grazie all’imprevidibilità del gioco veloce dei bianco-blu. Alle 17 ecco una sfida che vale già molto in chiave salvezza: Getafe-Osasuna. Entrambe le squadre sono le 2 grandi deluse di questa primissima parte di stagione. I madrileni hanno un solo punto in classifica frutto di un pareggio casalingo rimediato in extremis con l’Almeria, mentre l’Osasuna è ancora fermo a quota 0 dopo 3 ko consecutivi. Sconfitte che sono costate la panchina a Mendilibar, sostituito all’indomani del ko casalingo col Villareal da Javi Gracia, protagonista della promozione dell’Almeria in Liga dell’anno scorso. Partita fondamentale, chi perde è già nei guai. Alle 19 il Malaga cerca la prima vittoria della stagione contro il Rayo Vallecano, in una sfida che si giocherà alla Rosaleda, stadio che ospita le partite casalinghe dei bianco-blu. Un Malaga reduce dal primo punto stagionale conquistato nel rocambolesco derby contro il Siviglia, finito 2-2 ma macchiato da evidenti errori arbitrali., mentre nelle prime 2 gare 2 incertezze del portiere Willy Caballero avevano condannato la truppa di Bernd Schuster a due immeritate sconfitte. Immeritata è stata anche la sconfitta casalinga del Rayo contro il Levante, arrivata a tempo scaduto dopo aver dominato l’intero incontro. Paco Jemez è chiamato a provare a strappare dei punti da questa ostica trasferta, che seuge, oltre al ko citato, lo 0-5 rifilato dall’Atletico, in una gara giocata in modo pessimo e che aveva cancellato quanto di buon si era visto nel 3-0 rifilato all’Elche al debutto. Chiude la giornata alle 21 l’interessante sfida tra Betis Valencia, in programma al Benito Villamarin. Entrambe le squadre saranno impegnate giovedì in Europa League, con gli andalusi che ospiteranno il Lione ed con i “pipistrelli” opposti allo Swansea. Bianco-verdi sfortunati in questa prima parte di stagione, i due 1-2 subito da Real e Celta sono decisamente ingiusti rispetto alla mole di gioco prodotta durante le due gare, mentre con l’Espanyol il soporifero 0-0 premia quanto visto in campo. Valencia che dopo essere partito bene con l’1-0 al Malaga è franato rumorosamente contro le due squadra di Barcellona. Brutto 1-3 con l’Espanyol e scoppiettante 2-3 con il Barça, in una sfida in cui i valenciani si sono fatti valere. Gara che si preannuncia elettrizzante e piena di colpi di scena.

LUNEDI – Quarta giornata che si conclude il lunedì con due posticipi. Alle 20 va in scena ad Elche la sfida tra i padroni di casa ed il Valladolid, mentre alle 22 chiuderà la giornata Athletic Bilbao-Celta Vigo. Nella prima sfida i bianco-verdi cercheranno la prima vittoria di questa Liga dopo i due pareggi con Real Sociedad ed Almeria, probabile l’impiego dal primo minuto di Boakye, l’attaccante ghanese di proprietà della Juventus subito decisivo contro l’Almeria. Valladolid reduce dalla prima vittoria stagionale contro il Getafe, partita che ha riscattato i ko patiti con Bilbao e Villareal. Bianco-viola che proveranno a fare uno sgambetto ad un club che attende con impazienza il primo succeso nella massima serie dopo 25 lunghi anni. Nell’altra sfida di giornata, invece, l’Atheltic, a 6 punti dopo le due gare vinte con Valladolid ed Osasuna, cercherà di riscattare il ko subito al Bernabeu contro il Real. La squadra allenata da Ernesto Valverde dovrà stare attenta alla potenza offensiva del Celta Vigo di Luis Enrique, imbattuto dopo 5 gare grazie a quel gioco d’attacco visto con scarsi risultati a Roma, ma che finora soddisfa i supporter galiziani. Occhio però alla fase difensiva, che ha pregiudicato due vittorie meritate contro Espanyol e Granada.

Enrico Cunego

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *