Primaldo De Rinaldis
No Comments

Caos a Madrid: non si placa la bufera sulle Merengues

Casillas diventa un caso nazionale, mentre i tifosi faticano a digerire la cessione di Ozil.

Caos a Madrid: non si placa la bufera sulle Merengues
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Florentino Pérez, presidente del Real Madrid

Florentino Pérez, presidente del Real Madrid

Finita l’era Mourinho al Real, ora tocca a Carlo Ancelotti cercare di gestire i problemi che un club cosi prestigioso può creare. Il tecnico portoghese, aveva già contribuito a far nascere in Spagna un caso nazionale, con Casillas relegato in panchina. Questo è stato il peccato principale di Jose Mourinho, ovvero avere rapporti deleteri con i calciatori simbolo dello spogliatoio madridista e della tifoseria. Ma i problemi non finiscono qui; perché anche l’arrivo del tecnico italiano, seppur molto diverso caratterialmente da quello portoghese, ha contribuito a fare disordine in casa delle Merengues. Casillas continua a non giocare, lasciando spazio a Diego Lopez, e nella finestra di mercato appena conclusa, sicuramente ha fatto scalpore la cessione di Ozil all’ Arsenal.

UN GIOVANE MADRID – Il club, di comune accordo con l’allenatore, ha fatto la scelta comune di puntare sui giovani di assoluto affidamento, e cercare di rinunciare a quei calciatori che non facessero più parte del progetto. Basta citare i nomi di Bale, Isco e Illaramendi per capire come il Real Madrid abbia agito sul mercato, spendendo centinaia di milioni di euro. E in tal senso arrivano le dichiarazioni al veleno, del padre di Mesut Ozil: ”Il fatto che qualcuno vinca un sacco di soldi non lo rende automaticamente un uomo d’onore e Florentino Perez non è un uomo d’onore“, ha detto Ozil senior. “Lui vuole trasformare Mesut nel capro espiatorio per la cessione e mi ha definito come un genitore ambizioso che desidera solo un sacco di soldi”. Dapprima quindi il padre del calciatore difende se stesso, ma poi passa all’attacco difendendo il figlio: ”Se Mesut faceva la vita di cui stanno parlando ora, mi chiedo perché lui era sempre nella formazione titolare. Ora vogliono distruggere l’immagine di Mesut perché i tifosi e alcuni giocatori sono arrabbiati per la sua cessione“.

Una situazione quindi che fatica, o almeno cosi’ pare, a migliorare, con un Real Madrid che dovrà subito trovare l’alchimia giusta se vuole competere su tutti i fronti e cercare di vincere, perchè va bene spendere, ma se si perdono di vista gli obbiettivi, allora diventa difficile anche per un club cosi importante vincere. Intanto Casillas inizia a pensare ad un futuro lontano dalla Spagna, e a riguardo le ultime indiscrezioni sono di un possibile interessamento da parte del Borussia Dortmund. Se ne riparlerà a Gennaio.

Primaldo De Rinaldis

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *