Orazio Rotunno
No Comments

Inter-Juventus, ultima di Moratti da Presidente: si chiude il cerchio

Il destino ha voluto che proprio Inter-Juventus fosse con tuta probabilità l'ultima partita di Massimo Moratti da presidente neroazzurro: a San Siro con Thohir sabato 14 settembre, in tribuna d'onore?

Inter-Juventus, ultima di Moratti da Presidente: si chiude il cerchio
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Erick Thohir: il suo futuro nell'Inter di Moratti

Erick Thohir: il suo futuro nell’Inter di Moratti

Non poteva che finire così, con “La Partita“: quella che ha segnato i 18 anni di presidenza di Moratti, e la storia intera del calcio italiano, non solo delle due squadre. Inter-Juventus arriva forse troppo presto in calendario, ma chi crede nel destino ora ha capito il perchè di questo beffardo sorteggio. In tempo per essere l’ultima di Moratti da Presidente della beneamata, pochi giorni dopo aver firmato in quel di Londra il passaggio di consegna nelle mani di Erik Thohir.

CERTI AMORI NON FINISCONO, ANCHE ALL’INTER – La canzone di Venditti, tormentone da due anni che ha accompagnato il lento e commovente ritorno di Kakà in rossonero, si confà perfettamente anche alla vicenda-Inter. Perchè è impossibile slegarsi dagli affetti più cari e ai quali siamo vincolati da ricordi indelebili, nel bene e nel male. L’Inter è dei Moratti, la sua storia è legata a padre e figlio: gli unici Presidenti capaci di portare i neroazzurri in vetta all’Europa ed al mondo a distanza di 45 anni.

Una favola che non ha eguali a livello mondiale, ed è solo uno dei tanti motivi per i quali è così lunga e dolorosa questa trattativa di cessione. Ma è proprio ora che Moratti sta dimostrando tutto il suo infinito amore per la società nata nel 1908, cederla per il suo bene: lui non è più in grado di riportarla ai fasti di appena 3 stagioni fa, ragion per cui niente egoismi e passaggio di proprietà. Ai suoi tempi e modi, con una quota sempre importante nel Cda, col suo nome e del figlio sempre presenti al tavolo delle decisioni. Perchè l’Inter non smetterà di essere anche dei Moratti, ed i tifosi di essere da Lui rappresentati. Il livello di affetto interisti-Moratti non era mai stato così alto e viscerale, nemmeno ai tempi del triplete. Merito di una persona che non ha mai smesso di essere tale, in tutti i suoi pregi e difetti, errori e abbagli, ma nei quali si è sempre riconosciuta la buona fede. Una signorilità più unica che rara, materialmente parlando invece non si può che constatare l’immenso patrimonio che la sua famiglia ha investito nell’Inter.

Mercoledi o giovedi prossimo sarà a Londra con Thohir e rispettivi legali per firmare il contratto più importante della storia neroazzurra. 100 pagine di contratto, ogni clausola prevista utile a salvaguardare il futuro della società. Thohir e Moratti in tribuna a San Siro il 14 settembre per Inter-Juventus non è utopia. Sarebbe la chiusura del cerchio, dopo Iuliano-Ronaldo, calciopoli ed un derby d’Italia mai passato in cantina, anche con i bianconeri in serie B.

L’Inter non smetterà di essere dei Moratti, ed i tifosi di vedere in lui il loro Presidente.

Orazio Rotunno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *