Primaldo De Rinaldis
No Comments

Preziosi coccola Liverani, nessuna rivoluzione in vista

Fiducia al mister: la squadra con lui potrà crescere e migliorare

Preziosi coccola Liverani, nessuna rivoluzione in vista
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Enrico Preziosi

Enrico Preziosi

Dopo la seconda giornata di campionato, si cerca già di capire quale sarà il fututo di Fabio Liverani. Il tecnico arrivato sulla panchina dei rossoblu in estate, ha avuto tempo per imprimere alla squadra il proprio dettame tattico, ma la sconfitta arrivata in Coppa Italia contro lo Spezia e le prime due partite in Serie A non hanno dato una buona impressione: tre sconfitte, con dieci gol al passivo e un gioco ancora poco omogeneo e ricco di sbavature in fase difensiva.

PROGETTO IN ALTOMARE – Una squadra composta da giovani, come voluto dal presidente Preziosi, e che quindi avrà tutto il tempo per crescere e continuare a lavorare sotto la guida del tecnico romano. L’avvio pessimo non ha però inciso sul morale del presidente che alla trasmissione “Campionato dei campioni” su Odeon, dice: ‘‘Liverani è un gran tecnico, fiducia incontrastata, è stata una mia scelta e la porto avanti,spazio ai giovani”.

Ed è proprio quest’ultima parola che fa riflettere: In un campionato dove non si concede ai ragazzi il tempo di crescere e migliorare, sarà in grado il mister dei grifoni a concedere lo spazio giusto ai giovani calciatori? Perchè non adottare le stesse regole che hanno visto far crescere in Germania talenti del calibro di Reus, Gotze e Muller?  Finchè ciò non accadrà, continueremo a parlare di un campionato sempre più vecchio e in crisi, facendo fatica a proporre in nazionale giocatori all’altezza.

Intanto alla terza giornata spazio al Derby della Lanterna, dove si capiranno le ambizioni di entrambe le squadre genoane, e dove il Genoa sarà chiamato a una prova di forza, altrimenti Liverani potrà essere messo sulla graticola.

Derinaldis Primaldo

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *