Giovanni Nole

US Open: ennesima sfida fratricida per un posto nei quarti di finale, la Giorgi sfida la Vinci

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il tabellone femminile degli US Open regala soddisfazioni al tennis rosa italiano, nonostante gli accoppiamenti di tabellone determino l'ennesima sfida tra azzurre negli ottavi.

vinciUS Open, l’ultimo major stagionale in terra americana. Con sottotitoli in italiano che recitano: ‘Attente a quelle tre’. Perchè se il tennis azzurro dei maschietti è stato avaro di soddisfazioni sui campi di Flushing Meadow, con la imbarazzante eliminazione al primo turno di Fognini per mano del 126 al mondo Ram e con il solito match in cinque set tra Seppi e Istomin dei sedicesimi di finale dal quale è uscito però vincitore quest’ultimo, il lato galante e rosa della racchetta azzurra nella Grande Mela regala solo gioie al movimento tennistico italiano. Certo, quasi solo gioie: il sorteggio del tabellone, più che per i nomi da affrontare per le nostre azzurre, sarebbe potuto essere molto più benevolo dal punto di vista delle lotte fratricide, che han messo contro al secondo turno la Errani e la Pennetta e al terzo la Vinci e la Knapp. Nel primo incontro, la brindisina Flavia ha sbattuto fuori Sara: una vittoria a sorpresa visto il ranking nettamente superiore della Bolognese, numero 5 al mondo, ma addirittura preventivabile, visto il pessimo stato di forma della Errani, che non ottiene buoni risultati dalla semifinale del Roland Garros. nell’altro incontro, invece, è decisamente la favorita a vincere: determinata ad entrare definitivamente tra le prime dieci al mondo nel ranking WTA, Roberta, coi suoi colpi in top spin e col suo profondissimo back di rovescio, non ha lasciato alcuna chanche alla pur generosa Knapp, battuta in due set.

IL BICCHIERE MEZZO PIENO – Una serie di scontri fratricidi che ha sì messo KO due giocatrici rappresentanti dello stivale, ma che, guardando il bicchiere mezzo pieno, ha permesso addirittura a tre giocatrici italiane di accedere agli ottavi di finaLe di uno dei tornei più importanti del circuito. Di Flavia e di Roberta abbiamo già detto: la prima, che è già stata numero dieci al mondo ma ben 4 anni fa, sembra poter rivivere i fasti di un tempo, sta giocando alla grande e potrebbe anche esser convocata per la finale di Fed Cup contro la Repubblica Ceca tra poche settimane. Ora però, per lei, il percorso a New York, buone premesse a parte, si fa durissimo: dopo aver brillantemente eliminato la Kuznetzova (testa di serie numero 23), infatti, sulla sua strada trova l’ostica rumena Halep, che dagli Internazionali d’Italia di Tennis ha perso solo tre incontri. Uno dei quali, però, proprio con la Pennetta, sulla terra rossa di Bastad; dunque, nonostante parta da sfavorita, la nostra Flavia ha qualche possibilità di sorprendere e di portare a casa un grande quarto di finale.

GRANDE CAMILA – Chi troverà invece la Vinci negli ottavi di finale? Neanche a dirlo, un’altra sfida fratricida aspetta la 30enne tarantina: sua avversaria Camila Giorgi, che partendo dalle qualificazioni, ha suscitato enorme clamore attorno a sè giocando un torneo fino ad ora impeccabile, in cui ha collezionato vittorie di prestigio contro giocatrici del calibro della Cepelova e della Wozniaki. La giocatrice, di origini e formazione tennistica argentine, è in grandissima forma, col suo gioco aggressivo e potente che fino ad ora le ha permesso l’accesso in un ottavo di uno slam. Contro il tennis ‘fastidioso’ e pieno di rotazioni della più esperta Vinci, però, sarà veramente dura per Camila dare continuità ai suoi fin’ora ottimi risultati; in ogni caso, il tennis italiano sorride, visto che comunque vada ci sarà almeno una azzurra a disputarsi i quarti di finale. Peccato, però, che anche in questo caso, nelle più rosee aspettative, potrebbe esserci l’ennesima sfida tra italiane: chi vincerà il match, inizio ore 17 tra la Vinci e la Giorgi, avrà davanti o la Halep, o come si spera la Pennetta.

I MASCHIETTI – Per quanto riguarda il tabellone maschile, ormai privato di ogni accento italico, tutto procede come previsto. Djokovic e Murray, rispettivamente finalista e vincitore degli US Open dell’anno scorso, passeggiano sui resti del qualificato Sousa e di Florian Mayer, e domani affronteranno Granollers Pujol (giustiziere del giustiziere di Fognini) e Istomin, che come detto ha battuto in cinque set il nostro Seppi. Oggi invece in campo Federer, che giocherà contro l’insidioso spagnolo Tommy Robredo, e Rafa Nadal, che in nottata dovrà vedersela col tedesco Philipp Kohlschreiber, capace di battere in quattro set nel turno precedente John Isner, finalista del Masters 1000 di Cincinnati proprio contro il tenniista di Manacor.

Giovanni Nolè

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *