Redazione

Brindisi sotto shock: ordigno esplode davanti un istituto: muore una ragazza

Brindisi sotto shock: ordigno esplode davanti un istituto: muore una ragazza
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

BRINDISI, 19 MAGGIO – Un ordigno è esploso davanti l’ingresso dell’ Istituto Morvillo Falcone di Brindisi, il bilancio è di un morto e sette feriti.Brindisi

Una ragazza di 16 anni, Melissa Bassi ha perso la vita a causa dell’ esplosione di un ordigno presso l’Istituto Professionale di Stato per i servizi sociali di Brindisi;  la sua coetanea Veronica Capodieci è stata trasportata con urgenza in Ospedale ed è in gravissime condizioni. Il bilancio vede altri 5 feriti e 3 ragazzi in stato di shock e forte ansia anch’essi sotto controllo in clinica. La bomba è esplosa circa alle 07.45 di stamane e ha dilaniato un muretto in prossimità dei cancelli d’ingresso della scuola. L’orario d’apertura dell’ Istituto è alle 8.00, ma si tratta di una scuola di ragazzi pendolari che solitamente si riunisce       prima dell’orario d’apertura.

La coincidenza tra l’esplosione dell’ ordigno, collegato in modo rudimentale a tre bombole a gas, e il nome dell’ Istituto , Morvillo Falcone, lascia presagire che si tratti di un vero e proprio attentato nella “Giornata della Legalità” in occasione del ventesimo anniversario della morte di Giovanni Falcone. Tesi confermata anche dal Ministro dell’ interno Anna Maria Cancellieri che ha commentato a sky “Colpisce che sia stata presa di mira una scuola intestata a Morvillo Falcone”. Le indagini sono appena iniziate e si sta cercando di valutare se la bomba sia esplosa grazie ad un collegamento con un telecomando, di certo non si tratta di un incidente e le prime verifiche in loco lasciano ben pochi dubbi sul fatto che si sia agito con l’intento di uccidere.

Si tratta di un gesto vile che colpisce l’intera Nazione. Napolitano ha espresso il suo cordoglio per i familiari delle vittime,  sul luogo dell’attentato si stanno recando il Ministro dell’ Istruzione Francesco Profumo e il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola. 

Daniele Maimone

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *