Enrico Cunego
No Comments

De Laurentiis e la polemica continua: come cercare visibilità

Il presidente del Napoli, non contento di come è stato curato Gonzalo Higuain a Capri, chiede 100 milioni di euro alla Regione, usando come al solito il proprio stile polemico, poi dà un ultimatum a Camilo Zuniga.

De Laurentiis e la polemica continua: come cercare visibilità
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis

Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis

 Ci risiamo. Aurelio de Laurentiis è nuovamente un fiume in piena ed anche nella giornata di ieri l’ha sparata grossa. “Chiederemo 100 milioni di euro di danni a Regione e Comune di Capri e li devolveremo a chi ha bisogno” – dichiara il numero 1 del Napoli, che prosegue – “Non è possibile non avere sull’isola di Capri presidi medici che non sappiano nemmeno soccorrere chi si fa del male in mare”. Il riferimento riguarda chiaramente l’incidente capitato a Gonzalo Higuain, malamente scivolato dalla propria barca lunedì scorso, nei pressi dell’isola napoletana.

Immediata la replica del sindaco di Capri, Ciro Lembo, che afferma “Poteva risparmiarsi questa uscita. I medici, pur lavorando in condizioni difficili, hanno assistito perfettamente Higuain, il quale insieme ai propri amici ha poi ringraziato lo staff medico per i servizi prestati. Inoltre il presidente non ha neanche visto in che condizioni era il giocatore, per cui non capisco come possa parlare. Rispondo al presidente dicendo che il nostro lavoro lo sappiamo fare perfettamente.”

TANTO RUMORE PER NULLA- E’ chiaro che si tratti di una dichiarazione da non prendere seriamente, la classica sparata estiva di un presidente che vuole sempre mettere al centro dell’attenzione la propria squadra. E ci sta riuscendo, ormai i palinsesti tv parlano più del Napoli che delle altre squadre. Evidentemente il presidente crede che a suon di dichiarazioni e gesti eclatanti (vedasi sceneggiata con abbandono del sorteggio dei calendari), il Napoli possa diventare sempre più potente nel panorama calcistico nazionale. Così facendo, però, rende se stesso e la propria squadra ancora più antipatici al resto d’Italia, che ormai non ne può più delle uscite del presidente. La stessa via la sembra seguire Andrea della Valle, che con la sua stucchevole polemica su chi doveva meritare il preliminare di Champions League non fa altro che alimentare le idee del tifoso esasperato che vive di cultura del sospetto. La moda sembra ormai lanciata: se vuoi diventare come Inter, Juvenstu e Milan devi renderti antipatico e polemico oltre ogni limite, perché il “politicamente corretto” non paga. Fatto sta che la gran parte degli appassionati italiani è stufa di questo clima di polemica permanente e poco propenso a guardare cosa accade realmente in campo. Non vorremmo molti tifosi smettessero di seguire il calcio a causa della nausea che provano per dichiarazioni come quella di ieri.

Camilo Zuniga, rimarrà a Napoli?

Camilo Zuniga, rimarrà a Napoli?

CASO ZUNIGA- De Laurentiis ha poi parlato dell’intricata questione Zuniga, sempre in contatto con la Juventus. “Abbiamo offerto al giocatore un contratto del 40% superiore a quello proposto dalla dirigenza bianco-nera. Al coro “chi non salta juventino è” ha saltato, spero proprio rimanga, mi dispiacerebbe tradisse le emozioni del San Paolo”. Un vero e proprio ultimatum nei confronti del terzino sudamericano, che ora è obbligato a scegliere. L’impressione è che, se dovesse essere veramente sostanzioso il contratto proposto dalla società azzurra,  il giocatore rimarrà a Napoli, facendo la soddisfazione del vulcanico presidente napoletano.

Enrico Cunego

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *