Antonio Casu
No Comments

Cagliari-Atalanta 2-1, le pagelle

Nainggolan e Cabrera sugli scudi tra i sardi, delude Denis: gli orobici hanno bisogno di lui per arrivare alla salvezza

Cagliari-Atalanta 2-1, le pagelle
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Buona la prima per il Cagliari di Diego Lopez, che supera 2-1 l’Atalanta con una prova convincente, riscattando così la recente eliminazione in Coppa Italia. I sardi si confermano squadra arcigna e ostica per tutti, candidandosi a ricoprire in questo campionato il ruolo di outsider. Nerazzurri in affanno in difesa e poco incisivi in attacco; urgono nuovi innesti nell’ultima settimana di mercato. Le pagelle:

CAGLIARI:

AGAZZI 5,5 – Pochi gli interventi necessari, sul gol atalantino non può fare nulla, ma è da brividi l’uscita su Livaja che non arriva per poco alla rete del 2-2

DESSENA 6 – Non è un terzino e si vede, ma se la cava bene e fa il suo. Prova senza sbavature, ma il rientro di Pisano è indispensabile

ARIAUDO 6,5 – Chiamato all’ultimo momento per sostituire Astori, offre un’ottima prova, dimostrando di meritare un minutaggio maggiore rispetto a quello dell’ultima stagione

ROSSETTINI 6 – Prova discreta, ma la velocità non è il suo forte. Ottimo nel secondo tempo su Denis.

MURRU 7 – Il futuro è nelle sue mani. Il terzino classe ’94 ha personalità da vendere, è perfetto nelle chiusure difensive e incisivo in fase di spinta. Impreziosisce la sua prestazione con l’assist vincente per Cabrera.

CONTI 6 – Il regista non perde il vizio del giallo, prendendo un ammonizione evitabile.

EKDAL 5,5  – Inizia male nella stagione in cui deve dimostrare di poter fare il definitivo salto di qualità. Lo svedese è in ritardo di condizione e non offre la solita qualità alla mediana rossoblu.

NAINGGOLAN 7,5 – Se le big del nostro campionato lo hanno corteggiato per tutta l’estate un motivo c’è e la partita di ieri lo dimostra. Combattivo su ogni pallone, pericoloso in fase offensiva, sprona e guida la squadra, confermandosi un vero leader. Il gol dell’1-1 è la perla che suggella una gara perfetta

CABRERA 7 – Quantità e qualità per 90′ minuti. Cossu inizi a tremare, con un Cabrera così rischia di perdere il posto.

SAU 7 – Una spina nel fianco per la difesa dei bergamaschi. Dribbling ubriacanti, tiri insidiosi e un assist. È mancato solo il gol, ma il tempo non manca

PINILLA 6,5 – Mette in crisi i bergamaschi con la sua fisicità. La forza di volontà non manca, ma serve più lucidità

ERIKSSON 6 – Subentra ad Ekdal, corre, si impegna, sfiora addirittura il gol nel finale, ma sembra ancora un pesce fuor d’acqua nei meccanismi rossoblu

IBARBO 6,5 – Rileva Sau ed svolge nel modo migliore il ruolo assegnatogli: tiene palla, fa salire la squadra, procura calci d’angolo e punizioni e prende un palo. Impeccabile come uomo da ultimi venti minuti

LOPEZ 7,5 – Mentalità da provincia e qualità da grande, il Cagliari c’è e il condottiero è sempre lui. Squadra concentrata dal primo all’ultimo minuto, e in questo la mano del Mister è evidente

ATALANTA:

CONSIGLI 6.5 – Senza di lui tra i pali il passivo sarebbe stato sicuramente più pesante

RAIMONDI 5– In affanno su Sau, probabilmente è apparso stanotte tra i suoi incubi

STENDARDO 6,5– Gol a parte prestazione buona, poche le sbavature

YEPES 5 – Non è il compagno di reparto ideale per Stendardo. Forti fisicamente, ma terribilmente lenti; la scelta di Colantuono non ha pagato, Canini dov’era?

DEL GROSSO 5,5 – Ex mai rimpianto a Cagliari, è distratto in difesa e assente in attacco

KONE 5 – Lento, timido, irruento: debutto in A da incubo

CIGARINI 6 – È lui il faro della squadra, ma si limita a svolgere il compitino, nulla di più

CARMONA 6,5 – Tiene alta la mediana orobica e non molla un pallone

BONAVENTURA 4,5 – Irriconoscibile e fuori condizione, con prestazioni del genere il Mondiale è un miraggio

DENIS 5 – Ci prova ma mancano le gambe, sotto porta non è mai pericoloso

LIVAJA 6 – Salva in parte la prestazione nel finale, quando sfiora più volte la rete

COLANTUONO 5,5 – Presenta contro un Cagliari brillante una squadra rocciosa ma lenta. Pesano sulla sconfitta gli errori nella scelta di centrali di difesa e la scommessa Kone

Antonio Casu

twitter:@antoniocasu_

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *