Calogero Destro
No Comments

Supercoppa Europea: il Bayern trionfa sul Chelsea

I bavaresi s'impongono ai rigori sul Chelsea di Mou e conquistano il primo trofeo della stagione. E' iniziata l'era Guardiola.

Supercoppa Europea: il Bayern trionfa sul Chelsea
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Ribery autore del goal del Bayern

Ribery, autore del goal del Bayern

All’Eden Arena di Praga il Bayern Monaco s’impone sul Chelsea ai calci di rigore e conquista la seconda Supercoppa Europea della propria storia.

LA PARTITA– Il Bayern parte subito forte e al ‘7 si affaccia dalle parti di Cech con un tiro di Ribery, che però finisce fuori non di poco. Un minuto dopo colpisce il Chelsea: Hazard spezza in due la difesa dei bavaresi e serve largo Schurrle sulla destra, l’asso tedesco mette in mezzo per “El Nino” Torres che la gira di prima intenzione e regala il vantaggio ai blues. I tedeschi fanno la partita, ma al ’17 sono gli uomini di Mou a sfiorare il raddoppio, con un contropiede che Torres,però, conclude malamente. Al ’22 ci prova Ribery, che impegna Cech con un tiro ad effetto che il portiere di casa riesce a deviare in angolo. Il campione francese ritenta al ’29, quando un altro splendido tiro a giro finisce a pochi centimetri dal palo più lontano, stavolta a Cech battuto, ma la fortuna non lo assiste. Il primo tempo si chiude con una grandissima occasione per Torres: la punta spagnola si gira sublimemente nel cuore dell’area, ma la sua conclusione finisce alta. Nella ripresa il Bayern riesce a trovare subito il pareggio: è il’47 quando Ribery, servito ai 25 metri da Mandzukic, scarica un destro potente e preciso che s’insacca alla destra di un Cech non proprio impeccabile. Gli uomini di Guardiola attaccano sulle ali dell’entusiasmo, ma rischiano al ’63, quando uno svarione di Dante, vicino alla bandierina del corner, permette a Schurrle di recuperare il pallone e mettere Oscar da solo davanti a Neuer, ma il portierone tedesco è formidabile e riesce ad evitare il nuovo vantaggio avversario. Al ’78 il Bayern trema ancora sulla traversa colpita di testa da Ivanovic. All’85 cambia la partita: prima Neuer dice no sulla zuccata di Luiz, poi, sul capovolgimento di fronte, Ramires perde la testa e interviene col piede a martello su Goetze, guadagnandosi anzitempo gli spogliatoi. L’ultimo sussulto dei regolamentari è bavarese, ancora con Ribery, che però non riesce a trovare il colpo vincente. Si va ai supplementari.

SUPPLEMENTARI– I supplementari si aprono con un goal a sorpresa: al ’93 Hazard riceve largo sulla sinistra, salta sia Lahm che Boateng e poi scaglia un siluro che beffa un colpevole Neuer, sorpreso dalla traiettoria del pallone. Il Chelsea si chiude in trincea, con il Bayern che prova a sfondare ma che trova sulla propria strada un Super Cech: il portiere ceco al minuto ‘108, è strepitoso sulle due conclusioni di testa di Mandzukic prima e Javi Martinez poi. Al ‘115 ci prova Shaqiri da distanza ravvicinata, ma stavolta è Cahill a salvare in angolo a porta praticamente sguarnita. Al ‘118, una punizione dal limite di Ribery, s’infrange ancora sui guantoni del solito Cech. Ma quando ormai sembrano non esserci più speranze, il Bayern riesce a trovare il meritato pareggio: Al ‘121, un traversone di Alaba trova Mandzukic, che di forza riesce a far filtrare per Javi Martinez, che brucia Cech e fa esplodere la gioia dei supporters bavaresi. Si va ai rigori.

RIGORI– Parte il Bayern con Alaba, che non sbaglia.

Risponde subito David Luiz, che spiazza Neuer.

A segno anche Kroos e Oscar, e i due capitani, Lahm e Lampard.

Poi Ribery, impeccabile, cui segue la trasformazione di Cole, che s’inscacca col brivido ed è presagio di morte.

Per l’ultimo tentativo si presenta sul dischetto Shaqiri: Cech la tocca ma non può arrivare. Tutta la pressione è allora sulle spalle di Lukaku, che però si fa ipnotizzare da Neuer: il portiere tedesco riscatta il suo errore e consegna nelle mani dei bavaresi la Supercoppa. Possono partire i festeggiamenti: Philippe Lahm alza al cielo il primo trofeo della stagione, ma soprattutto, comincia l’era di Pep Guardiola al Bayern.

Calogero Destro

 

 

 

 

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *