Calogero Destro
No Comments

La Juve espugna Marassi, decisiva la rete di Tevez

I bianconeri s’impongono di misura e conquistano i primi tre punti della stagione, avversarie già costrette ad inseguire.

La Juve espugna Marassi, decisiva la rete di Tevez
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Antono Conte

Antonio Conte, allenatore della Juve

Sotto il diluvio di Genova, la Juventus batte la Sampdoria per 1-0 grazie al gol di Tevez e si porta subito in testa alla classifica. I bianconeri partono subito forte, già al ‘3 Pirlo impegna Da Costa con una conclusione dai venti metri che il portiere argentino sventa in calcio d’angolo. La Juve è padrona del campo, mentre la Sampdoria cerca di ripartire quando può. Al ’12 numero di Gabbiadini, che sulla linea di fondo, appena fuori dall’area, cala il tunnel a Chiellini, costringendolo a spendere il fallo. La punizione, però non sortisce l’effetto sperato. Al ’18 un’altra fiammata dei blucerchiati mette i brividi a Buffon: Eder entra in area da sinistra e mette un pallone forte e teso al centro che però non trova la deviazione vincente. Un minuto dopo, su calcio d’angolo battuto da Pirlo, Asamoah impatta di testa schiacciando verso la porta, ma Da Costa si fa trovare nuovamente pronto. Al ’25 ci prova ancora la Juve, con Vucinic che innesca Tevez al limite dell’area, l’Apache lo prova sul primo palo, ma Da Costa è attento. Sul finire di tempo aumenta l’intensità della pioggia mentre la partita non regala più occasioni. La ripresa si apre con una Juve lenta che fa arrabbiare Conte, ma al’58 i bianconeri, forse nel momento peggiore, riescono a trovare il meritato vantaggio:  Vucinic serve Vidal appena fuori dall’area, il cileno, con un passaggio geniale, imbecca Pogba, che  invece di concludere a rete brucia l’uscita di Da Costa e mette sui piedi di Tevez un pallone che la punta argentina deve solo spingere a porta vuota. La reazione della Sampdoria al ’63, con la squadra di Rossi che trova il pareggio col colpo di testa di Costa su punizione di Eder, ma la rete viene giustamente annullata perché viziata dall’irregolare posizione di partenza del centrale blucerchiato. La Juventus cerca allora di abbassare i ritmi e controllare la partita, ma la Sampdoria preme alla ricerca del pari: ci prova prima Obiang con un potente tiro da fuori che finisce di poco a lato, e poi il solito Eder, che salta Chiellini con gran guizzo sulla destra e mette in mezzo un pallone pericolosissimo, che la difesa bianconera riesce a spazzare con non poco affanno, grazie alla chiusura combinata di Barzagli e Bonucci, piazzati perfettamente dentro la propria area. La Juve però resiste e riesce a portare a casa i primi tre punti della stagione. Sampdoria che chiude in 10 per l’espulsione di Castellini, cacciato dal direttore di gara per un’entrataccia su Lichsteiner.

 Calogero Destro

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *