Filippo Di Cristina
No Comments

Roma, polemiche all’open day

25.000 i tifosi accorsi allo stadio Olimpico al primo appuntamento della nuova Roma di Rudi Garcia. Più fiischi che applausi per i giallorossi

Roma, polemiche all’open day
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Campagna tesseramento della Roma 2013/2014: nessuno ha più fame di noi

Campagna tesseramento della Roma 2013/2014: nessuno ha più fame di noi

Nel pomeriggio di ieri ha preso ufficialmente il via la stagione della nuova Roma di Rudi Garcia. L’open day della società ai tifosi giallorossi ha prodotto parecchi fischi e anche qualche timido applauso.

BASTONE E CAROTA – I tifosi della “magica” Roma, accorsi in 25.000 all’open day svoltosi ieri, hanno duramente contestato parecchie scelte societarie non in linea con il pensiero dei lupacchiotti. I malumori della curva, forse ancora scottata dalle ultime due stagioni non esaltanti, derivano dalle poche garanzie che la società sembra dare alla tifoseria. La prima contestazione dei tifosi è quella contro il nuovo logo dal gusto quantomeno discutibile che i supporters giallorossi non sembrano minimamente apprezzare. Apparsi tanti striscioni all’Olimpico uno dei quali inneggiava a Erik Lamela, talento giallorosso che sembra essere vicino a raccogliere l’eredità di Gareth Bale al Tottenham. “Giù le mani da Lamela” è questa l’idea che i tifosi romanisti vogliono esprimere, forse nella speranza che l’argentino possa rimanere ancora all’Olimpico. Fischi infine per Aurelio Andreazzoli, rimasto nello staff tecnico di Rudi Garcia, che sedeva sulla panchina giallorossa nella finale di Coppa Italia persa contro i rivali della Lazio.

Non solo fischi però per Totti & co. dato che i 25.000 accorsi allo stadio hanno riservato anche parecchi applausi a molti giocatori tra i quali De Sanctis, Maicon, Strootman, e Lamela. Ovviamente il più osannato è il capitano, anima e cuore di questa squadra, Francesco Totti.

VENDETTA BIANCOCELESTE – Nel cielo di Roma, sopra lo stadio Olimpico, un aereo ha passato al popolo giallorosso un messaggio da parte degli odiati cugini biancocelesti. “La verità reale è che v’avemo fatto male” questa la risposta allo sfottò romanista dopo la supercoppa italiana di pochi giorni fa in cui un altro aereo, stavolta di parte giallorossa, aveva fatto passare nei cieli di Roma la scritta “V’avemo alzato in faccia il nome immortale, As Roma”.  La moda dei messaggi comunicati per via aerea sembra scoppiata nella capitale dato che giorni fa è spuntato un altro messaggio con la scritta “Disinfettate Trigoria” con chiaro riferimento all’allenamento che la Juventus ha fatto nel centro sportivo della Roma.

Filippo Di Cristina

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *