Davide Luciani
No Comments

Calciomercato Juventus, Conte vuole uno tra Marquinho e Biabiany

Sfumato Zuniga, in pole position ci sono gli esterni di Roma e Parma per ricoprire il ruolo di esterno sinistro ancora vacante

Calciomercato Juventus, Conte vuole uno tra Marquinho e Biabiany
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Jonathan Biabiany

Jonathan Biabiany, obiettivo della Juve

Antonio Conte, dopo aver messo in cassaforte la Supercoppa Italiana, aspetta gli ultimi ritocchi ad una squadra che, già così sembra fortissima. Il nome nuovo è quello di Kondogbia, centrocampista francese del Siviglia e compagno di Pogba nella Francia Under 20. Del Nido, presidente del club spagnolo ha detto che il Siviglia non tratterà la cessione del giocatore, ma Kondogbia ha una clausola rescissoria di 20 milioni. La Juve al momento non può pagarla, ma sa bene che il giocatore non è indifferente al suo corteggiamento e Marotta sta lavorando ai fianchi il Siviglia. Kondogbia però è un centrale e Conte continua a chiedere esterni.

SI PUNTA BIABIANY E MARQUINHO – Visto che De Laurentiis non cede Zuniga, in cima alla lista di Conte pare esserci ora Biabiany. L’esterno francese è ambidestro e sarebbe l’ideale per gli schemi di Conte. In più i rapporti con il Parma sono ottimi e agli emiliani interessa Marrone che la Juve vuole cedere. La trattativa quindi potrebbe sbloccarsi nell’ultima settimana di mercato. Altro giocatore che piace a Conte è Marquinho. Il brasiliano è ai margini della squadra di Garcia e la Roma ha tutto l’interesse a cederlo. Conte ne apprezza duttilità er senso della posizione e lo ritiene adatto alla sua idea di gioco. Marotta però, prima di acquistare, deve vendere e in cima alla lista dei cedibili ci sono sempre tre nomi: Matri, Quagliarella e Isla.

MATRI TRA NAPOLI E ROMA – L’ex attaccante del Cagliari è il più corteggiato. Lo vogliono Napoli, Milan e Lazio e, nelle ultime ore, si è fatta sotto anche la Roma. La Juve parte da una base di 12 milioni e non intendere scendere da questa posizione. De Laurentiis i soldi per prendere Matri li ha, ma lo scoglio è l’ingaggio. L’attaccante chiede 3 milioni di euro e il presdidente napoletano non ha alcuna intenzione di concedere un simile stipendio ad un attaccante che, comunque, sarebbe solo un’alternativa a Higuaìn. Per quel che riguarda il Milan il discorso è diverso. Allegri stima Matri dai tempi di Cagliari, ma il Milan, non pare avere il denaro per soddisfare le pretese economiche della Juventus. Il discorso Lazio è invece legato alla cessione di Kozak: senza la cessione del ceco, il mercato biancoceleste è bloccato e comunque 3 milioni di euro di stipendio sono troppi anche per Lotito. Per tutti questi motivi si sta facendo sempre più insistente la voce di un possibile approdo di Matri alla Roma. Sabatini è alla ricerca di una punta in grado di sostituire Osvaldo, dato che Destro ne avrà ancora per un po’. In queste condizioni, Matri appare l’ideale sostituto dell’italoargentino. L’ingaggio non sarebbe un problema (specie se Sabatini piazzasse Borriello) e Matri avrebbe la possibilità di giocare da titolare per l’intera stagione con la speranza di essere convocato da Prandelli.

QUAGLIARELLA IN PREMIER? – Per Quagliarella, invece, si profila una pista estera. O va in Inghilterra (dove Norwich e West Ham gli fanno la corte) o all’Al-Gharafa di Zico che sta andando in pressing sull’attaccante. Anche qui la Juve ha già fissato il prezzo: 9 milioni di euro.

ISLA LAST MINUTE – Il discorso Isla, invece merita un capitolo a parte. Il cileno è stato bloccato da Conte in attesa che arrivi un sostituto. Nel frattempo l’Inter ha preso Wallace, ma è chiaro che in cima alla lista di Mazzarri ci sia sempre l’ex dell’Udinese. Anche questa è una trattativa da ultimi giorni di mercato. Conte intanto prepara l’ersordio contro la Sampdoria, unica squadra contro cui i bianconeri non hanno vinto lo scorso anno (anzi, hanno rimediato due sconfitte e 5 gol). Dato che a Conte le due sconfitte dello scorso anno non sono andate giù, siamo certi che preparerà i suoi in modo da riuscire lì dove lo scorso anno ha fallito.

Davide Luciani

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *