Redazione

Milito: “Resterò all’Inter almeno fino al 2014”. Su Lavezzi e Destro…

Milito: “Resterò all’Inter almeno fino al 2014”. Su Lavezzi e Destro…
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il Principe nerazzurro diviso tra passato, presente e futuro.

MILANO, 18 MAGGIO – E’ un Milito a 360° quello che si racconta sulle pagine de La Gazzetta dello Sport. L’attaccante argentino affronta tutti i temi, dal passato vincente al presente, senza tralasciare il futuro. Milito pensa solo all’Inter e continuerà a giocare per i suoi colori:  “Questa maglia la sento addosso, rimarrò all’Inter almeno fino al 2014. Sento questo club dentro”.

LAVEZZI E DESTRO – Il Principe potrebbe riabbracciare Lavezzi all’Inter: “A me piace giocare con i campioni e Lavezzi lo è. Sarebbe bello. Lui salta l’uomo, è veloce, ha una forza fisica incredibile. Insomma, fa la differenza”. Poi sul probabile ritorno di Mattia Destro: “Mi fa piacere. Io l’ho visto quando si allenava con noi ai tempi di Mourinho, si vedeva già allora che era forte. E’ uno da grande squadra”.

LO SFOGO A MADRID E MOU – Il Principe torna sullo sfogo post-partita della finale di Madrid: “Sbagliai quella sera, ma sono stato sincero, sono sempre sincero. Adesso cercherò di ripagare tutto l’amore dei tifosi, della curva, cercando di rivincere subito lo scudetto con la maglia dell’Inter”. Sugli allenatori che ha avuto durante la sua carriera, uno dei più importanti è indubbiamente Mourinho: “Premesso che non ho avuto problemi con i tecnici e da tutti ho imparato, dico che Mourinho mi ha dato proprio tanto. E’ statostraordinario. Ma vorrei citare anche Bielsa. Ho imparato tanto da lui. Io ero una seconda punta, mi ha fatto diventare una prima punta, ma soprattutto mi ha fatto capire l’importanza del gol. E’ un grande tecnico”.

24 GOL – Il Principe ha chiuso al terzo posto nella classifica capocannoniere a quota 24 gol alle spalle di due ultratrentenni come Ibrahimovic e Di Natale: “Perché l’esperienza conta, anzi è fondamentale. Poi guardo Di Natale e vedo un giocatore fortissimo, sarebbe stato bello giocare con lui. Io quest’anno semplicemente stavo bene. E poi ho una passione innata, per me il calcio è passione. Lo scorso anno i flessori mi hanno tormentato cinque volte, ho avuto due ricadute. Non impazzivo perché non segnavo, ma perché non stavo bene”.

STRAMACCIONI E IL FUTUROStramaccioni sarà alla guida dell’Inter anche nella prossima stagione, ma ci si chiede se  sarà l’uomo giusto per gestire lo spogliatoio: “Chiarisco: il nostro spogliatoio non è affatto difficile. E lui ha parlato con i risultati. Dopo la Juve eravamo fuori da tutto, anche dall’Europa League. Si è posto bene e ad alcuni di noi ha chiesto dei consigli. Glieli abbiamo dati”. Terminato il vincolo contrattuale con l’Inter, Milito ritornerà in Argentina: “Tornerò a Buenos Aires. So che farò il corso allenatori. Ma non venderò la casa di San Siro, verrò sempre a trovare i miei amici. Credetemi, qui sto proprio bene. E sono cittadino italiano. Ho ancora la casa piena di salsicce calabresi”.

 

Michele Lestingi

 

Share Button

2 Responses to Milito: “Resterò all’Inter almeno fino al 2014”. Su Lavezzi e Destro…

  1. checco 18 maggio 2012 at 16:29

    magari Lavezzi!!

    Io non capisco Moratti . Se è vero ke Lavezzi vuole andare all'inter e un' occasione unica che nn potrebbe mai più ripetersi vA bene metti Pandev e Pazzini e metà di Faraoni ma tira fuori 25 m

    i soldi di certo nn gli mancano tira fuori 25-20 m per me gio con 20 andrebbe se inserisce le contro partite tecniche !

    ma perche nn mette 5 m in più…

    Rispondi
    • Michele Lestingi 20 maggio 2012 at 13:24

      La volontà del giocatore è già una buona cosa, bisognerà solamente accontentare il Napoli x il cash. La prossima settimana sarà decisiva in questo senso.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *