Enrico Cunego
No Comments

Ligue1: PSG, che stecca!! Solo 1-1 con l’Ajaccio

Altro pareggio deludente per gli uomini di Blanc. Questa volta è l'Ajaccio di Ravanelli a fermare i parigini, a segno col nuovo acquisto Cavani.

Ligue1: PSG, che stecca!! Solo 1-1 con l’Ajaccio
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Edinson Cavani con la nuova maglia del Psg

Edinson Cavani con la nuova maglia del Psg

Al Parco dei Principi il piccolo Ajaccio conquista un punto d’oro con l’unico tiro di tutto l’incontro, uno splendido destro a giro di Benoit Pedretti. I parigini, invece, assediano la porta di Ochoa ma riescono a trovare la rete solo nel finale. Ma vediamo nel dettaglio l’evolversi del match.

FORMAZIONI PSG-AJACCIO –  La novità principale nello schieramento iniziale del PSG, è l’esordio dal primo minuto di Edinson Cavani, che va a fare coppia con Ibrahimovic in attacco. A centrocampo, inoltre, Thiago Motta viene preferito a Verratti, che quindi parte dalla panchina. Per il resto, nel 4-4-2 di Blanc vi sono tutti gli stessi uomini che hanno iniziato la gara contro il Montpellier. Per quanto riguarda l’Ajaccio di Fabrizio Ravanelli, fischiatissimo a causa del suo passato nel Marsiglia come giocatore, vi è un cambio di modulo rispetto a quello usato nella sconfitta interna contro il Saint Etienne. Si passa dal 4-2-3-1 al 4-3-2-1 spostando l’esterno Lasne in mediana, in modo da adottare un atteggiamento più difensivista. In difesa Nadeau sostistuisce lo squalificato Andre, espulso col Saint-Etienne, nella posizione di terzino sinistro, mentre come esterno sinistro gioca Diarra al posto dell’indisponibile Cavalli.

PRIMO TEMPO- I primi minuti vedono un PSG che come da copione attacca, andando vicino al gol con Ibra, che calcia una velenosa punizione rasoterra che mette in difficoltà Ochoa al 6′. Ma solo 3 minuti più tardi ecco il fantastico gol che cambia completamente la gara. Sponda di Mostafa al limite dell’area per Pedretti, il quale scaglia un meraviglioso destro a giro che batte un incolpevole Sirigu. Primo gol in campionato per l’Ajaccio e segnato dall’esperto centrocampista ex nazionale francese. Il Parco dei Principi ammutolisce per un attimo, ma poi torna ad incitare i propri beniamini, i quali si buttano a capofitto nella ricerca dell’immediato pareggio. Cavani ed Ibrahimovic provano a scuotere la squadra e più volte cercano la collaborazione per arrivare alla rete, ma senza risultati. Al 23′ ecco la prima grande occasione per i padroni di casa con conseguente prima grande parata di un monumentale Ochoa: a seguito di una confusa azione d’attacco, Maxwell si trova a tu per tu col portiere messicano da posizione ravvicina, ma l’estremo difensore devia in angolo. Il PSG continua a premere senza lucidità ed al 32′ Ibra sfiora il pari con un bel diagonale al volo che sfiora il secondo palo. 4 minuti più tardi l’onnipresente svedese cerca Cavani di testa, ma interviene Zubar con un maldestro sinistro che per poco non si infila all’incrocio dei pali della propria porta. Sul calcio d’angolo seguente Cavani di testa devia verso la porta, ma anche questa volta Ochoa respinge e sventa la minaccia. Al 42′ ancora Ibrahimovic pericoloso con un colpo di testa che va vicino all’incrocio dei pali. E’ l’ultima occasione del primo tempo, si va a riposo sul clamoroso risultato di 0-1.

SECONDO TEMPO- Nella seconda frazione di gioco Ravanelli opera due cambi nei primi minuti. Al 49′ il centrale difensivo venezuelano Perozo da il cambio a Dielna, mentre 4 minuti dopo Dennis Oliech subentra ad uno spento Adrian Mutu. Intanto il PSG, sempre più furente per un gol che non arriva, attacca a spron battuto. Al 58′ Ochoa respinge un bellissimo e potente colpo di testa di Cavani. Dal calcio d’angolo che ne scaturisce Alex colpisce la palla di testa, ma l’autore del gol Pedretti è ancora una volta l’uomo della provvidenza è salva sulla linea. L’ingresso di Verratti da ancora più vitalità alla manovra del PSG, che ha ormai costretto gli ospiti a rimanere confinati nella propria area. Al 70′ è ancora “San” Ochoa a sventare la minaccia uscendo alla grande su un pericoloso Ibrahimovic. Al’80 ecco che Thiago Silva svetta più in alto di tutti su calcio d’angolo, ma la palla non ne vuole sapere di entrare e si stampa sulla traversa. Un minuto dopo Thiago Motta spara un sinistro dai 20 metri che sfiora l’incrocio dei pali alla destra di Ochoa.  Il gol è nell’area ed al’84’ Edinson Cavani prende palla dal limite, si libera dalla marcatura di Dielna e fa esplodere un sinistro che finisce dritto nell’angolino alla destra di Ochoa. Un gol stupendo che è anche il primo dell’uruguayano con la maglia della sua nuova squadra. Galvanizzato dal pari, il PSG preme sull’acceleratore ed 2 minuti dopo Ibra, a due passi dal portiere avversario, si fa clamorosamente parare da un monumentale Ochoa la palla del sorpasso. Sforzo massimo per i padroni di casa, che al 90′ vanno di nuovo ad un passo dal raddoppio: altro salvataggio sulla linea, questa volta di Pierazzi, sul colpo di testa in acrobazia del “Pocho” Lavezzi. Un minuto dopo Ochoa fa la parata della vita su Verratti, che ad un metro dalla porta colpisce di testa un pallone che sembra debba finire inevitabilmente dentro, ma il messicano, con la mano sinistra, smanaccia via il pericolo. Passa ancora un minuto e si capisce che questa è una partita maledetta per i padroni di casa: Thiago Silva spara una bomba con l’esterno destro da fuori area, ma la palla anzichè entrare si stampa ancora sulla traversa, per la disperazione del brasiliano. Partita che si conclude al 94′, quando Verratti non riesce ad arrivare su un pallone proveniente da una punizione calciata dalla sinistra.

35 a 1. Questo è il dato pazzesco sui tiri verso la porta di questo incontro. Grazie a quell’unico tiro l’Ajaccio torna in Corsica con un punto d’oro colato e che alza notevolmente il morale della truppa di Ravanelli, che riscatta così il ko col Saint Etienne subito alla prima giornata. Un punto frutto di una partita estremamente difensivista, in cui il tecnico italiano deve ringraziare il proprio portiere Ochoa per avere evitato la sconfitta. Ora all’orizzonte c’è lo scontro casalingo col Nizza, partita da cui devono derivare assolutamente i primi 3 punti stagionali per avvicinarsi al Monaco,vittorioso oggi. Per quanto riguarda il PSG, di fronte a questo dato bisogna ammettere che meritava la vittoria, specialmente per l’impegno profuso nel finale di partita. Tempi duri per Blanc?

TOP E FLOP

PSG

MIGLIORE: Thiago Silva, il centrale brasiliano gioca una partita caparbia, controllando senza problemi gli sporadici attacchi avversari e dando la carica ai suoi nella ricerca del pareggio. Pericolosissimo in zona gol, solo la traversa gli nega per 2 volte la via della rete. Elemento fondamentale per questo PSG, è impressionante la sua quantità e qualità di rendimento.

PEGGIORE: Lucas, brutta serata per l’esterno brasiliano, poco lucido e frettoloso nella propria manovra, in cui sbaglia molti passaggi e non riesce a rendersi pericoloso in zona gol, venendo sostituito al 76′ dal giovane Ongenda. In futuro l’ex San Paolo dovrà evitare prestazioni così incolori, od altrimenti rischierò la titolarità in una squadra in cui i piedi buoni non mancano.

AJACCIO

MIGLIORE: Guillermo Ochoa, c’è un nuovo santo ad Ajaccio. Si tratta del portierone messicano, che para tutto il parabile nella gara col PSG ed evita ai suoi una sconfitta che avrebbe potuto raggiungere anche dimensioni pesanti. 4-5 interventi sono da campione, specialmente quello con la mano sinistra sul colpo di testa di Verratti. Giunto in Corsica 2 anni fa dall’America di Città del Messico, Guillermo è ormai l’idolo dei tifosi bianco-rossi, i quali contano sulle sue parate per un’altra salvezza.

PEGGIORE: Adrian Mutu, ok l’impegno non era dei più semplici e raramente l’Ajaccio è uscito dalla propria metacampo, ma il romeno non fa nulla per mettersi in mostra e non riceve quasi mai palla, venendo sostituito nel secondo tempo da Dennis Oliech. In queste prime due gare di campionato è apparso spento, suscitando allarme nella tifoseria corsa, che conta anche sul suo favoloso estro per ottenere un altro anno in Ligue 1

TABELLINO

PSG (4-4-2) Sirigu; Jallet, Alex, Thiago Silva, Maxwell; Lucas, Thiago Motta, Matuidi (68′ Verratti), Pastore (57′ Lavezzi), Ibrahimovic, Cavani.

All. Laurent Blanc

AJACCIO (4-3-2-1) Ochoa, Nadeau (68′ Hengbart), Zubar, Perozo (49′ Dielna), Bonnard; Pedretti, Pierazzi, Lasne; Mostefa, Diarra; Mutu (53′ Oliech)

All. Fabrizio Ravanelli

Enrico Cunego

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *