Nadia Gambino
No Comments

Calciomercato serie A: sei personaggi in cerca d’autore.

In attesa del 2 settembre, giorno in cui si chiuderà il calciomercato estivo, le squadre di serie A, nettamente più povere delle rivali europee, cercheranno di piazzare gli ultimi colpi prima dell'inizio del campionato

Calciomercato serie A: sei personaggi in cerca d’autore.
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
calciomercato: Ljajic resta tra i calciatori destinati a cambiare  maglia

calciomercato: Ljajic resta tra i calciatori destinati a cambiare maglia

In attesa del 2 settembre, giorno in cui si chiuderà il calciomercato estivo, le squadre di serie A, nettamente più povere delle rivali europee, cercheranno di piazzare gli ultimi colpi prima dell’inizio del campionato. Citando un’opera di Pirandello nel titolo, vediamo il caso di sei calciatori, che non sanno ancora quale sarà il loro futuro professionale: Matri, Quagliarella, Osvaldo, Ljajic, Honda, Bale.

JUVENTINI IN ESUBERO – Marotta ha parlato chiaro : “sei attaccanti sono troppi”. E così la vecchia signora, in attacco, deve sfoltire. E i principali indiziati, da settimane, sono Matri e Quagliarella. Matri, proprio ieri, in occasione della partitella Juve A-Juve B, ha incontrato Marotta e Conte per un lungo faccia a faccia in cui gli è stato proposto un trasferimento al Napoli, in cerca del vice Higuain. Sono ore calde per l’ex Cagliari. Alla Juve, sono stati offerti 12 milioni di euro, ma non si eclude un passaggio di Zuniga in bianconero. Da tempo Conte, corteggia il giocatore per puntellare ulteriormente la sua squadra. Per Quagliarella invece, sirene inglesi, al momento però poco allettanti. Potrebbe dunque concludersi qui, l’avventura dei due attaccanti bianconeri.

TRA I GIALLOROSSI… – Diverso il caso di Osvaldo: l’attaccante della Roma è finito sulla graticola del calciomercato a causa del suo carattere difficile, che lo ha portato alla rottura dei rapporti con tifosi e società. In squadra, non tutti vorrebbero il suo addio, capitan Totti in primis, ma dopo l’arrivo di Gervinho, il tridente offensivo di mister Garcia dovrebbe essere formato da Totti, Lamela e Gervinho appunto. L’ideale sarebbe vendere l’italo-argentino nela sessione di calciomercato, far cassa e allontanare dallo spogliatoio un calciatore che potrebbe creare ancora malumori. Con lui però una parte dei tifosi hanno fatto pace, e non si esclude un colpo di scena finale. Il giocatore, infatti, segna parecchio e nell’anno dei mondiali, potrebbe impegnarsi di più in campo e fuori pur di indossare la maglia della nazionale di Prandelli, che lo ha già punito, non portandolo alla Confederetion Cup, loscorso giugno. Il calciatore, sembra aver capito la lezione. Per questo anche lo spogliatoio sarebbe pronto alla sua permanenza in giallorosso.

CAPITOLO MILAN – Fino a qualche anno fa, il portafoglio era ben pieno, Galliani era protagonista del calciomercato e il Milan, si portava a casa i migliori gioielli in circolazione. Probabilmente, Ljajic, seppur forte e di prospettiva, non sarebbe mai finito nel taccuino dell’ad rossonero, che avrebbe preferito portare a Milanello un campione affermato. Ma di cash non c’è ombra e Galliani, pur avendo tanta fantasia, non sa proprio quale coniglio far uscire dal cilindro a fine agosto. Il serbo, potrebbe infatti rinnovare con la Fiorentina, che di cedere il talento, non ne vuol sapere. Non vogliono ripetere un altro caso Montolivo e faranno di tutto per rinnovare il contratto all’attaccante. Poche possibilità ridotte al lumicino di vedere Ljajic in rossonero. Per Honda poi, si è accesa un’altra diatriba tra il presidente del CSKA di Mosca e il Milan, giudicato “scorretto” nel condurre la trattativa. Neanche fosse il nuovo Kakà, l’affare Honda ha riempito le pagine dei giornali, con il Milan interessato al buon giocatore, come fosse un fenomeno, forse più per marketing. Honda infatti, porterebbe una buona fetta di pubblicità dal sol levante.

Fuori dall’Italia, invece si respira un calciomercato diverso. Il Barcellona, si è aggiudicato Neymar, il Real ha portato Ancelotti sulla propria panchina e il PSG ha strappato Cavani al Napoli. Per Bale i blancos, hanno addirittura offerto 100 milioni di euro senza batter ciglio al Tottenham, che ovviamente vacilla dinanzi ad un’offerta del genere. Vedremo come finirà.

TOP PLAYER O FLOP PLAYER – Intanto l’Italia ha abbracciato nel calciomercato grandi giocatori come Tevez e Llorente, Mario Gomez ed Higuain. Ma nel pre-campionato, hanno segnato appena un gol a testa, facendo vedere ben poco delle loro doti di capocannonieri. Al campo il verdetto finale.

 Nadia Gambino

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *