Ruggiero Daluiso
No Comments

Mondiali scherma, Arianna Errigo si tinge di oro!

Nella rassegna iridata che si sta disputando a Budapest, la 25enne brianzola conquista il titolo nel fioretto battendo in finale la tedesca Golubytskyi. Bronzo per l’olimpionica Elisa di Francisca.

Mondiali scherma, Arianna Errigo si tinge di oro!
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

RIVINCITA PER ARIANNA – Finalmente è arrivato il suo momento. Dopo gli argenti al Mondiale di Parigi 2010 ed all’Olimpiade di Londra dell’anno scorso, Arianna Errigo si laurea campionessa del mondo nel fioretto grazie ad un torneo vinto in maniera impeccabile e travolgente. Questa volta il cammino della brianzola non si è imbattuto in Elisa di Francisca, la sua autentica bestia nera, capace di soffiarle il titolo proprio nelle due competizioni sopracitate. La marchigiana ha dovuto arrendersi in finale contro la tedesca di origini Carolin Golubitsky, dovendosi accontentare della medaglia meno pregiata, quella di bronzo (ex-aequo con l’altra semifinalista, la russa Irina Deriglazova).

+ RILEGGI LA NOSTRA INTERVISTA ESCLUSIVA FATTA AD ARIANNA ERRIGO SUBITO DOPO LE DUE MEDAGLIE OLIMPICHE

+ RIVEDI L’INTERVISTA ESCLUSIVA AD ARIANNA ERRIGO FINITA SU SKY SPORT24

FINALE SENZA STORIA – L’atto conclusivo vedeva opposta la nostra azzurra alla Golubitsky, forte dello scalpo eccellente della Di Francisca e desiderosa di spezzare il dominio italiano nella specialità. Ma per la teutonica non c’è stato nulla da fare, la finale è stata a senso unico sin dalle prime battute, è il 15-8 finale testimonia l’autentico domino per l’atleta lombarda, la quale chiude al meglio una cavalcante vincente che non l’ha mai vista praticamente in difficoltà.

Arianna Errigo, due medaglie olimpiche a Londra

Arianna Errigo, due medaglie olimpiche a Londra

CAVALCATA SENSAZIONALE – Una corsa all’oro iniziata alle 10:30 con il semplice successo sull’atleta di singapore Wang Wenying per 15-6, seguita dallo schiacciante 15-5 ai danni della polacca Synoradzka ai sedicesimi ed all’umiliante 15-3 agli ottavi rifilato alla francese Maitrejean, fino ad arrivare ai quarti, dove arrivava il primo vero arduo scontro per la Errigo: il derby italiano con la leggenda vivente Valentina Vezzali. Ma anche qui la sfida non è stata proibitiva per la nuova campionessa mondiale, che con un 15-8 ha spento le ambizioni della “sempre verde” Valentina. In semifinale ecco arrivare la russa Deriglazova, sconfitta con un risultato più contenuto ma pur sempre largo nel punteggio: 15-11. Insomma un successo strameritato e che da ancora più valore a questa medaglia d’oro conquistata da una ragazza che non si è piegata davanti alle cocenti delusioni degli ultimi anni e che adesso punta dritto ad un altro oro, quello delle Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016.

BRAVA VEZZALI – Arrivata ormai alla “veneranda” età di 39 anni, la nostra super campionessa Valentina Vezzali ha raggiunto comunque un ottimo risultato arrivando fino ai quarti di finale del torneo, dopo aver combattuto strenuamente nei turni precedenti, rivelatisi autentiche battaglie, in special modo i primi 2 turni affrontati contro l’ungherese Gabriella Varga e l’americana Nzingha Prescod. Nel primo incontro il successo è stato di 12-10, mentre nel secondo la battaglia si è prorogata fino al 15-13 finale. Superata agevolmente la tunisina Ines Boubakri con un 15-7, la corsa si è fermata, come detto, contro la futura campionessa Errigo.

Nonostante l’eliminazione è una Valentina Vezzali soddisfatta: ”Ho fatto una bella gara, considerando che sono passati 2 mesi e 20 giorni dalla nascita di Andrea (il secondo figlio della campionessa azzurra) e 30 dal primo allenamento. Per me Budapest è un punto di partenza, il punto d’arrivo è l’Olimpiade a Rio del 2016.

ITALIA SUGLI SCUDI – Oltre ai 3 nomi grossi del fioretto italiano da segnalare anche la performance di Carolina Erba, capace anche lei di arrivare ai quarti dopo una battaglia agli ottavi contro l’ungherese Edina Knapek vinta 14-13. Battaglia che ha pesato sulla gara seguente, persa nettamente col punteggio di 15-5 contro la medaglia d’argento Golubytskyi. Nonostante la netta battuta d’arresto è promossa a piene voti anche lei.

Ricapitolando: oro ad Arianna Errigo, bronzo ad Elisa di Francisca e quarti di finale per Valentina Vezzali e Carolina Erba. Non male davvero.

Enrico Cunego 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *