Redazione

Mercato Milan, ufficializzati Bakaye Traorè e Riccardo Montolivo

Mercato Milan, ufficializzati Bakaye Traorè e Riccardo Montolivo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

MILANO, 17 MAGGIO- Comincia a prendere forma il nuovo Milan 2012-2013, e lo fa con i primi due colpi resi ufficiali poche ore fa dalla società in Via Turati. Sono, come tutti sanno già da un pò, Bakaye Traorè e Riccardo Montolivo. Fino al 30 Giugno 2016 Montolivo, e fino al 30 Giugno 2015 il maliano.

IL MALIANO DI FERRO- Classe ’85 il maliano ex-Nancy, arriva a Milano in un’età matura per potersi esprimere al massimo vista la sua potenza fisica e agonistica. A centrocampo il suo habitat naturale, sia in mediana che sulla trequarti. Con i francesi ha disputato 72 partite segnando 11 reti. In Nazionale 2 reti e un bronzo in Coppa d’Africa quest’anno.

MONTOLIVO, EREDITA’ PESANTE- Per Riccardo Montolivo l’esperienza al Milan lo potrà consacrare definitivamente. Un centrocampista che rispecchia perfettamente i suoi illustri predecessori Andrea Pirlo e Mark Van Bommel. Un’eredità pesante per l’ex-viola che Allegri ha già battezzato come il perno del suo nuovo Milan. Agirà davanti alla difesa e dirigerà le danze. Per Montolivo carriera all’apice appunto, dopo i natali calcistici nell’Atalanta fino al 2005 e la lunga avventura viola che lo ha consacrato con oltre 200 partite all’ attivo. Il Milan la sua scelta fino al 2016, con un occhio molto recente invece ai prossimi europei che vorrà vivere da protagonista, ma soprattutto alla prossima Champions League suo sogno personale.

CAPITANO ANCORA PER UNA STAGIONE- Ufficializzato il nuovo con Montolivo e Traorè, ufficializzato anche il rinnovo per un altro anno a Massimo Ambrosini, capitano 36enne del Milan che ancora una volta darà il suo apporto ai compagni in mezzo al campo. Centrocampo terra di conquista per Massimo, da sempre soprannominato “Arsenio Lupin” per la sua capacità di rubare palloni a destra e a manca. Insomma aria di rifondazione in casa Milan, con sprazzi di continuità importanti che, a parere di Gattuso, possono contribuire bene a far ambientare e crescere il nuovo che avanza.

Gennaro Manolio

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *