Andrea Croce
No Comments

Barcellona, l’ultima stagione di Victor Valdes

Ha difeso la porta blaugrana dalle giovanili fino alla Champions League.

Barcellona, l’ultima stagione di Victor Valdes
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

E’ ormai noto che Victor Valdes dalla prossima stagione non sarà il portiere del Barcellona. Nonostante i tentativi da parte della dirigenza blaugrana di fargli cambiare idea, Valdes è deciso ad affrontare una nuova sfida, ed ha ribadito di non voler rinnovare il contratto in scadenza a Giugno 2014.

LE RAGIONI – I motivi che hanno spinto Victor Valdes a prendere questa decisione sono prevalentemente di tipo personale, anche se legati alla necessità di trovare nuovi stimoli professionali. Lo stesso portiere in un’intervista a Marca ha dichiarato: “ La mia è una scelta personale e deve essere rispettata. Non ho cambiato idea sul mio futuro”. Dopo un ciclo decennale pieno di vittorie, trofei e record, Valdes vorrebbe confrontarsi con un altro campionato.

STAGIONE SPECIALE – L’estremo difensore del Barça ha dichiarato che questa, essendo l’ultima, sarà un stagione molto particolare per lui: “E’ l’ultima stagione con questa maglia e sarà diversa, sarà la più speciale per me. Darò tutto come ho sempre fatto, e per chiudere al meglio vorrei vincere ancora la Champions”. In sintonia con Gerardo Martino, che ha chiesto ai suoi giocatori di non smettere di aver fame di vittorie, Victor Valdes è pronto alla sfida.

VALDES NELLA STORIA – Cresciuto nella cantera catalana, nella stagione 2003/2004 all’età di 21 anni, l’esordio da titolare nel Barça. L’anno successivo arriva già la Liga e il suo primo trofeo Zamora come migliore portiere del campionato. Nel 2005-2006 vince la Champions League ed è stato decisivo nella finale di Parigi. Dal 2009 al 2012 è protagonista del ciclo vincente dell’era Guardiola e il 01 Novembre del 2011 arriva anche il record di imbattibilità della storia del Barcellona, con la sua porta che rimane inviolata per ben 896 minuti, battendo il precedente record di 824 minuti detenuto da Miguel Reina. Victor Valdes è anche il portiere con più presenze nella storia del Barcellona, avendo superato un mostro sacro come Andoni Zubizarreta. Con la nazionale spagnola è sempre stato chiuso da Iker Casillas, ma ha partecipato alle spedizioni vincenti del Mondiale 2010 e dell’Europeo 2012.

Victor Valdes, è alla sua ultima stagione con il Barcellona

Victor Valdes, è alla sua ultima stagione con il Barcellona

UN’EREDITA’ PESANTE – Il Barça sta già iniziando a sondare il mercato per cercare il nuovo portiere titolare per la prossima stagione. Le ipotesi sono molteplici. Scartata l’idea Reina approdato al Napoli, i nomi che circolano con più insistenza sono quelli di De Gea e Handanovic. La prima ipotesi appare molto complicata vista la volontà del giocatore di rimanere a Manchester mentre riguardo Handanovic, l’estremo difensore dell’ Inter rappresenta l’ipotesi più accreditata. L’offerta del Barcellona è di 30 milioni di euro. Il giocatore sembra disposto ad un trasferimento in Spagna, avendo maggiori possibilità di vincere. Il Barcellona lo considera l’opzione numero uno e farà di tutto per acquistarlo il prossimo anno. Vedremo se la nuova dirigenza nerazzurra decida di privarsene o meno. Da non sottovalutare un colpo a sorpresa, come il portiere tedesco del Borussia Monchengladbach, Ter Stegen, che è ad un bivio: tentare l’esperienza in una squadra di livello assoluto o rinnovare con l’attuale club. Il presidente Rossell vorrebbe acquistarlo già da questa stagione e lasciarlo in prestito ancora un anno in Germania.

Raccogliere l’eredità di Victor Valdes non sarà facile, anche se la sua esperienza nel Barça non è sempre stata rose e fiori, viste le numerose critiche ricevute per qualche indecisione di troppo. Valdes ha però risposto sempre sul campo, togliendosi grandi soddisfazioni. Nel suo palmares ci sono 6 titoli di Liga, 5 Supercoppe di Spagna, 2 Coppe del Rey, 3 Champions League, 2 Supercoppe UEFA e 2 Mondiali per club, ma a quanto pare non vuole lasciare il Camp Nou senza festeggiare ancora.

Simone Gianfriddo

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *