Walter Molino
No Comments

Ronaldinho non smette di infrangere record

R10 è l'unico giocatore ad aver vinto Champions, Libertadores, Mondiale e Pallone d'oro.

Ronaldinho non smette di infrangere record
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Ronaldinho, settimo giocatore a vincere Champions e Libertadores

Ronaldinho, settimo giocatore a vincere Champions e Libertadores

In Europa si soffre molto di eurocentrismo. Quando vediamo un calciatore che lascia il calcio europeo per andare a giocare in altri continenti pensiamo che la sua carriera sia sulla via del declino. Bisogna sfatare questo tabù. Sebbene in Europa possa esserci la maggior concentrazione di club ricchi e prestigiosi, non si gioca a calcio solo nel vecchio continente. Lo si fa, e molto bene, anche in Sudamerica. e Ronaldinho Gaúcho, che nel 2011 ha lasciato il Milan per fare ritorno nel suo Brasile, ne è la dimostrazione, essendo diventato il settimo giocatore a vincere sia la Champions League che la Copa Libertadores.

RITORNO IN PATRIA – Non essendosi potuto realizzare il suo sogno di tornare nel Grêmio, Dinho si è dovuto “accontentare” di giocare nel Flamengo, in cui ha vinto il Campionato Carioca (il campionato dello stato di Rio de Janeiro) nel 2011. Dopo un anno comunque positivo ai rubronegros, R10 cambia squadra trasferendosi nell’Atlético Mineiro che stava costruendo un grande progetto. Un 2013 super per l’ex Barcellona e Milan che oltre ad aggiudicarsi il Campionato Mineiro (il campionato dello stato di Minas Gerais) si è laureato due giorni fa anche Campione di Sudamerica alzando al cielo la Copa Libertadores, uno dei pochi trofei che mancava al suo ricchissimo Palmares. Lo stesso Dinho ha rivelato: “Ero tornato in Brasile per conquistare quello che non avevo vinto, e adesso mi sento molto più realizzato.” Non sono mancate anche le frecciatine ai suoi detrattori: “Dicevano che ero un giocatore finito, parlino adesso“. Il classe ’80 ha vinto la competizione da protagonista, realizzando 4 goal e fornendo 9 assist per i suoi compagni.

I RECORD – Il primo record importante da sottolineare è che Ronaldinho è il settimo giocatore della storia del calcio ad aver vinto sia la Champions League che la Copa Libertadores. Si unisce ai connazionali Dida, Cafú, Roque Junior e agli argentini Samuel, Sorin e Tévez. Ovviamente non è tutto. Perché il numero 10 dell’Atlético Mineiro è il primo calciatore a fare il percorso inverso. Gli altri sei campioni nominati precedentemente, hanno tutti vinto prima la Copa Libertadores e successivamente la Champions League, mentre il Gaúcho ha vinto prima la massima competizione europea e poi quella sudamericana, il che probabilmente è più complicato. Ma c’è ancora un altro record che Ronaldinho ha guadagnato aggiudicandosi la Libertadores all’Atlético MG. Lui è l’unico infatti, ad aver vinto oltre alle due più importanti competizioni continentali anche il Mondiale (2002) e il Pallone d’oro (2005).

PROSSIMI OBIETTIVI – Avendo vinto la Copa Libertadores, l’Atlético Mineiro si è conquistato l’accesso al Mondiale per Club 2013 che si giocherà a Dicembre in Marocco. Ronaldinho non ha mai vinto la competizione, avendola persa nel 2006 in finale con l’Internacional. I brasiliani già conoscono almeno altri tre rivali, il Bayern Monaco, campione d’Europa; il Monterrey, campione di Centro-Nord America (CONCACAF Champions League) e i padroni di casa del Raja Casablanca. Se Atlético MG e Bayern Monaco (teste di serie della competizione) dovessero vincere le loro semifinali si incontrerebbero in una stellare finale il 21 Dicembre a Marrakech dove si scontreranno Ronaldinho e il suo ex allenatore ai tempi del Barcellona Josep Guardiola. Oltre a questo prestigioso titolo internazionale, nella bacheca di Ronaldinho manca anche un Brasileirão. Con le tre squadre verdeoro in cui ha militato, R10 è riuscito a vincere solo il campionato statale di riferimento ma non quello nazionale. Finite le distrazioni internazionali, o Galo adesso potrà concentrarsi sul campionato, dovendo però rincorrere l’Internacional. La squadra di Bernard e soci si trova al 10° posto con 10 punti mentre l’Inter comanda con 18 punti.

Walter Molino

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *