Davide Luciani
No Comments

Calciomercato Juventus, tutti i dubbi dell’irrequieto Vucinic

L’attaccante bianconero, con l’arrivo di Tevez e Llorente, rischia di finire in panchina e, per questo, valuta l’ipotesi di un addio

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Per Mirko Vucinic, questa è l’estate della riflessione. Dopo due anni da protagonista alla Juventus con 63 partite e 19 gol in campionato, il montenegrino, infatti, rischia di diventare un comprimario il prossimo anno. Gli arrivi di Tevez e Llorente, di fatto spingono il montenegrino al ruolo di riserva di lusso. Antonio Conte, infatti, è stato chiaro nei giorni scorsi: “Sarà difficile vedere Tevez, Vucinic e Llorente contemporaneamente in campo”.

NON SULLA FASCIA – L’idea tattica di Conte per il prossimo anno è già delineata. Spazio ancora al 3-5-2, ma molto più offensivo con le ali che, in pratica, dovrebbero agire al fianco degli attaccanti. In queste condizioni, è necessario che gli esterni, siano di ruolo e non adattati, e che abbiano gamba e tecnica per coprire il doppio ruolo di attaccanti aggiunti e difensori. Per questo, l’esperimento visto nelle prime uscite con Vucinic largo e Tevez-Llorente di punta è destinato ad essere solo un sogno d’estate.

Mirko Vucinic

Mirko Vucinic potrebbe lasciare la Juventus

IN CONCORRENZA CON TEVEZ – Vucinic di fatto, entrerà in concorrenza con Tevez per una maglia da titolare. Llorente, infatti, ha caratteristiche del tutto diverse, nonché uniche, nella rosa della Juve. Conte è rimasto piacevolmente sorpreso dallo spagnolo in queste prime uscite e difficilmente si priverà di lui, visto che, con il suo stile di gioco, Llorente permette alla Juve diverse soluzioni in fase di possesso palla. Una coppia d’attacco Tevez-Vucinic è quindi di difficile attuazione, perché priverebbe la Juventus di un punto di riferimento importante in avanti.

TEVEZ HA CARTE MIGLIORI – Sarà quindi battaglia tra il montenegrino e l’argentino per un posto da titolare, ma, al momento Vucinic è in svantaggio. Tevez, infatti, non ha solo doti fisico-tecniche indiscutibili, ma anche un impatto a livello di immagine superiore a quello di Vucinic. L’enorme attesa che c’è per l’argentino, la voglia di sognare dei tifosi con un nuovo numero 10 in campo, fanno sì che Tevez abbia molte più carte da giocare. Certo, Conte è uno di quei tecnici che non guarda in faccia nessuno quando è il momento di fare la formazione, ma non c’è dubbio che Tevez è il top player che deve far fare il salto di qualità all’attacco bianconero e sarà difficile vederlo in panchina. 

RIFLESSIONI E PROSPETTIVE – A quasi trent’anni, Vucinic deve allora decidere se restare e giocarsi le sue carte, o cercare l’ultimo contratto della carriera all’estero. Lui vorrebbe la Premier League, ma, al momento, in quella direzione non ci sono segnali positivi. La squadra più interessata al bianconero è lo Zenit del suo ex allenatore Spalletti, da sempre suo estimatore. Marotta per il suo attaccante chiede non meno di 15 milioni di euro e al momento non ci sono offerte ufficiali.

Dunque, Vucinic rimane un attaccante della Juve ma, si sa, le vie del mercato sono infinite e fino al 23 settembre tutto può accadere.

Davide Luciani

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *