Walter Molino
No Comments

Copa Libertadores: Olimpia avanti 2-0 all’andata contro l’Atlético MG

I Brasiliani avranno bisogno al ritorno di una difficile rimonta per poter alzare la Champions League sudamericana.

Copa Libertadores: Olimpia avanti 2-0 all’andata contro l’Atlético MG
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Ronaldinho, grande delusione dell'Atlético MG

Ronaldinho, grande delusione dell’Atlético MG

Nell’andata della Finale di Copa Libertadores 2013 l’Olimpia Asunción difende il fattore casa e batte l’Atlético MG per 2-0. Decisivi i goal di Silva nella prima frazione e la straordinaria punizione di Pittoni al 93° che inguaia o Galo. La squadra di Ronaldinho la settimana prossima dovrà rimontare i due goal di svantaggio per provare ad alzare la Copa.

ORGOGLIO PARAGUAIANO – Sebbene la squadra di Cuca fosse favorita solamente di poco visto il fattore campo a sfavore, di certo una vittoria dell’Olimpia per 2-0 non era facilmente pronosticabile. Nei primi venti minuti, partita tutto sommato equilibrata con i brasiliani che vanno anche vicini al vantaggio. Ma al 22° il risultato si sblocca. Alejandro Silva realizza un gran goal con un’azione personale che nessun allenatore vorrebbe subire. Parte palla al piede da prima della trequarti superando Luan, Tardelli e Réver prima di insaccare sul primo palo di Victor: la palla bacia il palo ed entra dentro. Due minuti dopo la reazione dell’Atlético si registra solo in un sombrero di Ronaldinho ai danni di Aranda, spettacolare, ma inutile per il risultato. Male l’Atlético nel primo tempo, che ha subito pesantemente il goal incassato.

DELUSIONE RONALDINHO – I fari del Galo sono sempre puntati su Ronaldinho Gaúcho, che però ieri sera non ha fatto assolutamente nulla di concreto per aiutare la sua squadra. Al 18° del secondo tempo addirittura viene sostituito da Guilherme. Cuca, l’allenatore della squadra di Belo Horizonte, si è detto molto scontento della prestazione dell’ex Milan, dichiarando che non stava giocando bene e che era inutile farlo continuare a giocare. R10 è ovviamente uscito dal campo contrariato e si è seduto in panchina senza parlare con nessuno. Al 32° è lo stesso Guilherme a trovare Jô in area, ma l’attaccante fresco di vittoria della Confederations Cup, si vede dire di no da Martín Silva. Quando ormai tutto sembrava dovesse decidersi al ritorno e l’Atlético dovesse rimontare solo un goal di svantaggio, arriva la mazzata finale: al 93° Pittoni riesce a mettere dentro un grandissimo calcio di punizione battendo Victor ed eludendo il tentativo di salvataggio di Alecsandro. L’unico alibi che possiamo concedere ai brasiliani riguarda l’assenza di Bernard (squalificato) e di Leandro Donizete (che ancora non ha recuperato da un infortunio).

COME IN SEMIFINALE – Anche nella Semifinale contro il Santa Fé, l’Atlético Mineiro ha perso la partita di andata per 2-0, e ha avuto bisogno di una grande rimonta nella partita di ritorno per poter accedere a questa finale. Bastò un 2-0 e i rigori sorrisero ai brasiliani. Ma in finale ci sarebbe anche lo scoglio dei supplementari. Un fattore positivo per l’Atlético è che in finale della Libertadores non valgono doppio i goal fuori casa, per cui anche con un 3-1 si andrebbe all’extra time. Ma chiaramente c’è bisogno di tutta un’altra prestazione e bisognerà fare a meno di Marcos Rocha e Richarlyson squalificati.

Walter Molino

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *