Massimiliano Riverso
No Comments

Paul Gascoigne desaparecido

La sparizione di Gazza è l’ultimo tassello di un mosaico sconfinato di brutti episodi legati all’ex leggenda del calcio inglese

Paul Gascoigne desaparecido
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Paul Gascoigne LazioDa tre giorni si sono perse completamente le tracce di Paul Gascoigne, ex centrocampista di Tottenham e Lazio, scomparso subito dopo le dimissioni dello stesso Gazza dal ricovero coatto allo University College Hospital di Londra

Non calca i campi di calcio da quasi un decennio, ma di Gascoigne, nel bene o nel male, si sente ancora parlare molto spesso, soprattutto riguardo le sue bravate e i suoi molteplici eccessi. Adesso però alla preoccupazione per il suo stile di vita autolesionista, si sta sostituendo il terrore, dal momento che di lui non si hanno più notizie da tre giorni.

Ricostruiamo i fatti – Inizia tutto, si fa per dire, il 4 luglio, quando Gazza entra nella stazione ferroviaria di Stevenage nell’Hertfordshire, assieme alla ex-moglie Sheryl urlando e intimorendo i pendolari. L’intervento pacifico di un addetto alla sicurezza e della ex-consorte non ha fatto che peggiorare la situazione, portando Gascoigne a malmenare i due pacieri. L’arrivo seguente della polizia è costato a Gazza l’arresto e due denunce, da parte dello stesso addetto alla sicurezza e della ex-moglie. Rilasciato su cauzione, l’ex di Newcastle e Tottenham non impiega molto per mettersi di nuovo sotto i riflettori: l’8 luglio Gazza viene soccorso da un passante, che lo trova ubriaco, furioso e questuante per un drink davanti al Royal National Hotel, e ricoverato di forza allo University College Hospital di Londra. Dimesso dalla struttura sanitaria, Gascoigne fa perdere le sue tracce, mettendo in allarme amici e parenti che hanno subito lanciato l’allarme.

L’appello al tabloid – E’ lo stesso portavoce di Paul Gascoigne che inoltra, tramite il tabloid inglese Daily Star, un annuncio riguardante la situazione attuale circa la scomparsa dell’ex centrocampista: “Abbiamo provato a metterci in contatto con Paul negli ultimi giorni. Abbiamo tentato anche di farlo contattare direttamente dai suoi ex compagni di squadra Gary Mabbutt e Jimmy Gardner ma senza successo”.

La sparizione di Gazza è l’ultimo tassello di un mosaico sconfinato di brutti episodi legati all’ex leggenda del calcio inglese. Mosaico incollato con alcool e violenza, che nemmeno gli innumerevoli tentativi di riabilitazione e l’affetto delle persone a lui care sembrano poter scomporre.

Carlo Andrea Mercuri

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *