Connect with us

Serie B

Calciomercato Bari: la trattativa per la cessione ad un bivio

Pubblicato

|

Antonio Matarrese, storico presidente del Bari

Calciomercato BariSembra giunta ormai ad una conclusione la trattativa per la cessione del club biancorossa: sabato sarà il giorno decisivo. La famiglia Matarrese è stanca di subire continui attacchi dalla tifoseria barese, e lo ha detto a chiare lettere ai taccuini del Corriere del Mezzogiorno, per bocca di Antonio Matarrese: “Adesso vogliamo essere lasciati in pace. È arrivato il momento di dedicarci a tempo pieno alle nostre aziende. Tra dipendenti diretti e indotto, le attività del gruppo Matarrese coinvolgono duemila famiglie. È di loro che dobbiamo occuparci. Basta con il Bari”.

L’episodio grave dell’altra notte, con 4000 tifosi sotto casa del patron biancorosso e l’esplosione della bomba carta, avranno fatto il loro effetto: “I commenti li lascio a chi di dovere. Io, dal canto mio, non posso fare altro che chiedere scusa ai vicini del quartiere Japigia che si sono ritrovati, per colpa nostra, a sopportare una situazione infernale. Dispiace principalmente per loro. E dispiace perché queste ferite lasciano il segno”. Il corteo ha spaventato l’intera famiglia: “Non bene, chiaramente. Non ero lì quando il corteo è approdato sotto casa. Discutendone con mio fratello Vincenzo, mi ha raccontato che sua moglie e le sue nipoti erano terrorizzate e che a un certo punto, per lo spavento, sono scoppiate a piangere. Ma al di là di questi aspetti, la sostanza è un’altra: l’episodio di lunedì sera conferma che siamo sgraditi e che la nostra storia con il Bari è finita”.

E’ chiaro ed ovvio che la città ed i tifosi non gradiscono più l’attuale proprietà, nonostante i 36 anni di sacrifici: “La città continua a esprimere, calcisticamente parlando, una voglia irrefrenabile di cambiamento. Una voglia che sarà soddisfatta. Con Montemurro ci accomoderemo presto e di nuovo attorno a un tavolo e cercheremo di individuare una soluzione che non scontenti nessuno”. Ecco da cosa è rimasto colpito Antonio Matarrese: “Sono rimasto colpito dal gesto di un tifoso e del suo figlioletto che, martedì mattina, mi hanno ringraziato per i 36 anni alla guida del Bari. Ecco, 36 anni sono tanti. Adesso, sinceramente, basta”.

Massimiliano di Cesare
@dicesareMax23

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending