Mirko Di Natale
No Comments

Calciomercato Juventus: Giaccherini ed Isla finanziano Diamanti e Kolarov?

L’ex Cesena, che ha stregato Di Canio, è ad un passo dal Sunderland, mentre in questa settimana dovrebbe concludersi anche l’operazione Isla con l’Inter. Con i soldi ricavati, i bianconeri andranno all’assalto di Diamanti e Kolarov

Calciomercato Juventus: Giaccherini ed Isla finanziano Diamanti e Kolarov?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Aleksandar Kolarov, l'erede di Giaccherini

Aleksandar Kolarov, una sfida di mercato tra Inter e Juventus che potrebbe essere sbloccato dal passaggio di Mauricio Isla ai nerazzurri

Ore calde in casa Juventus sul fronte cessioni. La società bianconera, che oggi annuncerà Angelo Ogbonna (al Torino andranno 13 milioni più 2 di bonus; Ciro Immobile rimarrà in compropietà tra le due torinesi), hanno assoluto bisogno di vendere per ripianare i soldi spesi negli affari fino ad ora conclusi.

VENDI(MELO)Marco Motta, Felipe Melo, Reto Ziegler, Alessandro Matri, Mirko Vucinic, Fabio Quagliarella,  Mauricio Isla ed Emanuele Giaccherini. Questi sono i nomi che in questo primo mese di calciomercato la Juventus ha cercato di vendere piuttosto inutilmente, vuoi per l’ingaggio troppo oneroso o per l’elevato valore del cartellino che in tante squadre non si possono permettere di spendere. Tra i primi tre da cedere (che non han mai fatto parte del progetto Conte), quello più difficile risulta essere Felipe Melo. Il brasiliano, arrivato sotto la gestione Secco-Blanc, non ha mai soddisfatto con il suo rendimento, tanto che le ultime due stagioni le ha disputate con la maglia del Galatasaray. Al suo ultimo anno di contratto in bianconero però, la sua cessione appare come una montagna da scalare per Beppe Marotta,  impossibilitato a recuperare i 25 milioni spesi nel 2009, non riuscirebbe nemmeno a prenderne 5 (il valore con cui in bilancio è stato ammortizzato in 5 anni). Il trentenne è stato richiesto da qualche club in Brasile, ma nessuno realmente lo vuole comprare tanto che il Galatasaray sta aspettando pazientemente nuovamente di averlo in prestito e magari di prenderlo la prossima stagione, quando sarà un parametro zero.

GIACCHERINI ED ISLA, I DUE “DIAMANTI” – La società torinese punterebbe a raccogliere un tesoretto di 30 milioni dalle cessioni di Vucinic, Matri e Quagliarella, ma in questo momento è tutto bloccato. Quindi ecco che le due strade più percorribili per ricavare una nuova fonte di guadagno, è stata individuata nelle cessioni di Isla e Giaccherini. Il primo è vicinissimo all’Inter, le due squadre si sono già incontrate diverse volte per discutere dell’esterno cileno a metà tra Juventus ed Udinese. Per la propria parte, i bianconeri vogliono i 7,5 milioni sborsati ai friulani, i nerazzurri invece vogliono “scontarlo” pagandolo 1 milione in meno, ma in questa settimana dovrebbe concludersi la trattativa alla cifra stabilita dalla Juve. Nelle ultime ore poi è emersa la volontà del Sunderland di portare Giaccherini in Premier League. Il club inglese avrebbe offerto 8,5 milioni (più il “solito” bonus di 2 milioni) per assicurarsi le prestazioni del miglior calciatore italiano all’ultima Confederations Cup. La “vecchia signora” ci starebbe seriamente pensando, il giocatore invece non sarebbe tanto tentato dalla nuova esperienza, ma potrebbe cambiare idea in quanto il Sunderland garantisce un posto da titolare fisso per il mondiale e perché poi con Conte, non sarebbe preso tanto in considerazione come l’ultima stagione. I “diamanti” raccolti dalle due cessioni servirebbero proprio per dare l’assalto definitivo ad Aleksandar Kolarov (il Manchester City chiede 6 milioni, mentre Marotta lo vuole in prestito oneroso da 1 milione con un riscatto fissato a 5) e Alessandro Diamanti, con il Bologna che chiede 7 milioni.

LA LINEA VERDE PROSEGUE – Intanto con una nota apparsa sul sito internet ufficiale della Juventus, Alberto Masi è stato ceduto in compropietà per due milioni di euro alla Ternana. Il club bianconero ha poi acquistato per 500 mila euro il giovane classe 1996 Simone Russini, di professione attaccante.  Non è chiaro se il baby-cannoniere, come riporta “Tuttosport” prosegua la sua avventura in prestito a Terni oppure venga aggregato alla primavera bianconera, ma è chiara la volontà dell’attuale dirigenza di seguire una “linea verde” che fino ad ora ha portato Paul Pogba, Simone Zaza e Domenico Berardi.

Mirko Di Natale
Twitter: @_Morik92_

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *