Orazio Rotunno
No Comments

Calciomercato Inter, Ranocchia è il tesoro: Milan e Napoli ci provano

Con Handanovic e Guarin tolti dal mercato, sarà Ranocchia il giocatore sacrificato dall'Inter in caso di offerta importante: il Napoli è forte sul giocatore dopo aver perso Benatia ed Ogbonna, ma occhio al Milan

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Aleksandar Dragovic, con la maglia del Basilea

Aleksandar Dragovic, con la maglia del Basilea

Andrea Ranocchia è il candidato n.1 in casa-Inter a sbloccare tutte le operazioni di mercato: abbandonato Handanovic dal Barça (opzionato Ter Stegen) e Guarin dal Tottenham (che ha preso Paulinho), è il centrale difensivo ex Bari il sacrificato per far cassa ed arrivare ai vari obiettivi di mercato ad oggi irraggiungibili per la dirigenza neroazzurra senza entrata di denaro fresco. Non meno di 15 milioni la richiesta: Milan e Napoli alla finestra, con partenopei favoriti per una contropartita che potrebbe sbloccare in maniera decisiva l’affare.

IL RANOCCHIO CHE NON E’ DIVENTATO PRINCIPE – Potrebbe essere l’ennesimo caso di neroazzurro che sboccia in rossonero, o più presumibilmente il sole del Sud che splende sul fiore appassito al Nord. Milan o Napoli nel futuro di Ranocchia, che a questo punto sembra tutt’altro che incedibili dalle parti della Pinetina. La controindicazione sta nella valutazione che l’Inter fa del giocatore: 15-18 milioni di euro, come dimostrato a suo tempo con i 12 rifiutati dalla Juventus. Cifra di cui il Milan non dispone, e per la quale già si era visto costretto ad abdicare su Astori: ma anche fosse, è probabile che Moratti rinunci anche a Nainggolan ed Isla pur di non vedere esplodere l’eterna promessa Ranocchia dai cugini. Problemi di soldi il Napoli non dovrebbe averne, vista la cifra enorme che ad ore entrerà nelle casse di De Laurentiis subito dopo la cessione di Cavani al Psg: ma sul piatto potrebbe esser messa una contropartita ben più gradita dei tanti milioni necessari, trattasi di Zuniga. Incedibile per il Presidente, importante per Benitez ma non fondamentale, che non lo vede propriamente come un terzino nella sua difesa a 4 così come Maggio, che ha dalla sua però più esperienza e fisicità. Benitez andò via due settimane prima dell’arrivo di Ranocchia all’Inter, ma è un grande estimatore del giocatore che, in ottica mondiale, gradirebbe la piazza e l’opportunità di giocare. Un’occasione non preclusa all’Inter, ma l’ombra del pupillo di Mazzarri, Hugo Campagnaro, incombe: il tecnico toscano lo ha portato ovunque con se fra Sampdoria, Napoli ed appunto Inter.

In tutto questo, vi è l’interesse forte per Dragovic del Basilea: il giocatore freme per arrivare a Milano, emissari del club svizzero sono già stati avvistati in C.so Vittorio Emanuele e 8 milioni di euro sarebbero sufficienti per portare in neroazzurro il promettente e già forte difensore austriaco.

Un Ranocchia in meno, per un Dragovic e Nainggolan in più: questa l’idea dirigenziale per un’Inter più forte.

Orazio Rotunno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *