Orazio Rotunno
No Comments

Juventus trema, Vidal resta in ascolto: nega il rinnovo, sogna il Real

Il cileno dal suo paese fa tremare i tifosi: niente prolungamento e ritocco dell'ingaggio, Ancelotti sogna di portarlo in merengues

Juventus trema, Vidal resta in ascolto: nega il rinnovo, sogna il Real
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Vidal tuona dal Cile: “Non ho rinnovato, ho un contratto e vedremo quello che succederà“, ma soprattutto: “E’ un onore essere seguiti da un club del genere. Tutti i giocatori sono sedotti quando si parla di Real“. Sedotto e abbandonato, alle proprie tentazioni e desideri, economici e professionali. Queste le parole di Arturo Vidal dal Cile, in attesa delle pronte smentite motivate con l’errata traduzione in italiano. Ancelotti lo stima, il Real Madrid cerca un centrocampista: il rinnovo era in stallo, lui è un top player. Gli ingredienti per il nuovo tormentone estivo ci sono tutti.

Arturo Vidal

Arturo Vidal

VIDAL, SE MI LASCI NON VALE…SUL PIU’ BELLO – Dopo due anni era arrivato il top player, Carlitos Tevez, ed il gigante dal bell’aspetto, Fernando Llorente. Due scudetti nel frattempo e la voglia di essere finalmente protagonisti anche in Europa, dopo la netta sconfitta col Bayern Monaco e a 17 anni di distanza dall’ultimo trionfo continentale. Poche ore fa le parole “di rito” del cileno sono sufficienti a far sobbalzare da sdraio ed ombrelloni i tifosi bianconeri, al solo pensiero di veder partire quello che ad oggi senza ombra di dubbio è il miglior giocatore della Juventus. Analizzandole però, sempre che siano confermate, non traspare nulla di clamoroso: che non ha rinnovato è vero (e non è allarmante considerata la scadenza 2016) ed ha confessato di essere lusingato dell’interesse da parte dei bianchi madrileni (chi e come non potrebbe esserlo?). L’ingaggio di 2,7 milioni netti percepiti da Vidal non sono più abbastanza, questo è evidente, e a complicare le cose hanno contribuito gli ingaggi di Llorente e Tevez vicini a percepire uno stipendio doppio del protagonista principale dei due recenti titoli della Vecchia Signora. L’offerta di 4 milioni sino al 2018 era pronta in sede, ma resta in stand-by in attesa di capire le intenzioni del club di Florentino Perez.

Una mega offerta da 35-40 milioni di euro verrebbe presa in considerazione, soprattutto con un Pogba ormai “sprecato” per la panchina e perché no, un Giaccherini rilanciato da una Confederations da assoluto protagonista, senza dimenticare il giovane Marrone stimatissimo da Conte. Ma soprattutto, arrivasse un’offerta importante, potrebbe essere lo stesso cileno a spingere la dirigenza bianconera ad allungare le orecchie e a portarlo nel club più prestigioso al mondo. E 6 milioni di motivi all’anno rappresenterebbero un incentivo niente male.

E allora sì, che per la Juve, comincerebbe davvero il calciomercato.

Orazio Rotunno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *