Andrea Sartorio
No Comments

Formula 1, GP Germania: vince Vettel davanti alle ottime Lotus di Raikkonen e Grosjean

Il pilota Red Bull domina al Nurburgring e conquista altri punti importanti per il mondiale. Riscossa Lotus, quarto Alonso

Formula 1, GP Germania: vince Vettel davanti alle ottime Lotus di Raikkonen e Grosjean
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Sebastian Vettel vince l’edizione numero 60 del Gran Premio di Germania, nono appuntamento del mondiale di Formula 1 2013. Il tre volte campione del mondo ha riscattato pienamente gli zero punti a Silverstone e ha confermato, per l’ennesima volta, che è ancora lui l’uomo da battere. Quarto trionfo stagionale e vittoria numero 30 in F1. I diretti avversari ce la mettono tutta, ma sia Raikkonen (oggi secondo e in crescita) e sia Alonso (quarto con l’ennesima rimonta) si allontanano di nuovo dal leader tedesco: lo spagnolo è ora a meno 34 e il finlandese a meno 41.

La Lotus E 21

La Lotus E 21

RISCOSSA LOTUS, FLOP MERCEDES – Fin dal via la gara del Nurburgring ha messo in evidenza due aspetti. Il primo è che Hamilton, partito male e sorpassato da Vettel e Webber, ha rovinato di nuovo la pole del sabato, anche a causa di una Mercedes oggi non al top, come dimostra anche la prova anonima di Rosberg, nono. Tutt’altra gara invece per le Lotus, che dopo tre Gran Premi incolori( soprattutto Grosjean), partono subito bene.

MASSA FUORI, PROBLEMI PER WEBBER – Mentre Vettel guida la gara davanti a Webber, Hamilton e le due Lotus, al quarto giro la prima emozione: testacoda di Massa e Gp già finito per il brasiliano. Al quinto giro inizia il valzer dei primi pit-stop e a ad avere problemi è Webber. I meccanici Red Bull montano male la gomma posteriore destra e l’australiano perde nella pit lane la ruota. Gara rovinata, Webber ritorna in pista penultimo. Dopo la prima sosta ai box la classifica recita: Vettel, il sorprendente Grosjean, Raikkonen, Hamilton, Alonso e le due McLaren.

RITIRO DI BIANCHI E INGRESSO SAFETY CAR – Il secondo colpo di scena è il ritiro al ventitreesimo giro della Marussia di Bianchi per problema al motore. Safety Car in pista e gara che potrebbe avere una nuova svolta, ma dopo il rientro della Safety con la seconda sosta ai box, chi ci perde è solo Hamilton che si ritrova settimo dietro a Hulkenberg (un solo pit stop). Vettel ancora primo davanti a Grosjean, Raikkonen, Alonso, Button (un pit stop).

FINE GARA – Nella seconda metà della gara succede poco tra i primi e anche il terzo pit stop non condiziona la classifica. I primi tre sono molto vicini, ma solo al cinquantacinquesimo giro Raikkonen sorpassa Grosjean ed è secondo molto probabilmente per ordini di scuderia. La gara si conclude con il trionfo di Vettel davanti alle due ottime Lotus.

ORDINE D’ARRIVO DEI PRIMI DIECI:

1) Vettel (Red Bull)   2) Raikkonen (Lotus)   3) Grosjean (Lotus)

4) Alonso (Ferrari)   5) Hamilton (Mercedes)   6) Button (McLaren)

7) Webber (Red Bull)   8) Perez   (McLaren)   9) Rosberg (Mercedes)

10) Hulkenberg (Sauber).

CLASSIFICA PILOTI:

Vettel 157 ; Alonso 123 ; Raikkonen 116 ; Hamilton 99 ; Webber 93.

CLASSIFICA COSTRUTTORI:

Red Bull 250 ; Mercedes 183 ; Ferrari 180 ; Lotus 157 ; F. India 59.

Andrea Sartorio

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *