Vincenzo Galdieri
No Comments

Pagelle Italia-Uruguay: Cavani alieno, riscatto Buffon

SuperGigi riscatta gli zero rigori parati con la Spagna e la non perfetta gestione della punizione del Matador: dal dischetto stavolta ne prende ben tre. Ma l'extraterrestre vero è Edinson Cavani

Pagelle Italia-Uruguay: Cavani alieno, riscatto Buffon
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Pagelle Italia Uruguay: Edinson Cavani e Luis Suarez

SuperGigi riscatta gli zero rigori parati con la Spagna e la non perfetta gestione della punizione del Matador: dal dischetto stavolta ne prende ben tre. Ma l’extraterrestre vero è Edinson Cavani.

ITALIA

BUFFON 7 – D’accordo, sulla punizione di Cavani poteva fare di più. Ma il resto della partita è da Numero Uno al mondo: spettacolare il riflesso di piede su Forlan, ottimo in tante altre situazioni. Non può nulla sul primo gol del Matador. E dal dischetto ne ipnotizza ben tre: Forlan, Gargano e Caceres. Non male per uno che ‘non para i rigori’.

DE SCIGLIO 6,5 – Più timido rispetto alla gara col Brasile, ma al solito interessante nel modo di proporsi e determinato nei recuperi. Sta crescendo bene.

CHIELLINI 6,5 – Gladiatore, instancabile, viene speso anche nell’ultima partita della stagione. Ringhia addosso a Cavani e Suarez con la consueta cattiveria agonistica, tutto sommato riesce a limitarli bene. Bravo.

ASTORI 6 – Segna il gol del vantaggio ‘rubandolo’ a Diamanti o a Muslera, visto che la palla probabilmente sarebbe entrata lo stesso. In generale è sempre attento, anche se soffre un po’ i due mostri uruguagi di Napoli e Liverpool.

BONUCCI 6 – Fa il suo dovere nei supplementari.

MAGGIO 6 – Spumeggiante con la Spagna, sulle gambe con l’Uruguay. Era prevedibile.

MONTOLIVO 5 – Purtroppo per lui, è sempre la stessa storia: da comprimario ti stupisce, quando deve comandare la mediana si perde in un bicchier d’acqua. Imballato, soltanto passaggi all’indietro e niente più. Si fa pure espellere.

CANDREVA 6 – Se non fosse cosi egoista meriterebbe anche stavolta un voto superiore alla sufficienza. Reattivo, ma troppo innamorato di se’ stesso.

DE ROSSI 7,5 (IL MIGLIORE) – Non esageriamo. Questo De Rossi è uno dei primi dieci centrocampisti al mondo. Voglioso, carico, tecnico, carismatico. Fa tutto e lo fa bene. A Roma sembrava essersi perso nei meandri di una strana mediocrità per uno del suo livello, in Nazionale ha ritrovato se’ stesso. Speriamo una volta per tutte.

AQUILANI 6 – Bravo in fase d’interdizione, meno in quella d’impostazione. Su rigore c’è.

EL SHAARAWY 5,5 – Rapido è rapido, un paio di volte davanti a Muslera ci finisce. Ma per uno che dovrebbe essere il nuovo potenziale campione della Nazionale è davvero pochino quel che fa. Involuto.

DIAMANTI 7 – Due punizioni capolavoro e tanto dinamismo. Giocatore che in chiave Mondiale ha già staccato tre quarti di pass.

GIACCHERINI 6,5 – Entra e fa la differenza con la sua freschezza atletica. Vale lo stesso discorso fatto per Diamanti.

GILARDINO 5,5 – Encomiabile per come si sbatte, ma davanti stavolta è davvero poca roba. Esausto.

All. PRANDELLI 6,5 – Ci siamo presi un terzo posto meritatissimo. Il rammarico vero è non essere arrivati in finale, ma speriamo di rifarci l’anno prossimo.

URUGUAY 

MUSLERA 6 – In realtà è incolpevole su entrambi i gol, peraltro ordinaria amministrazione.

LUGANO 6 – Roccioso e sicuro, ma un paio di volte El Shaarawy gli sfugge.

GODIN 6 – Come il compagno.

CACERES 6,5 – Rigore sbagliato a parte, è sempre dinamico, attento e propositivo.

MAXI PEREIRA 5,5 – Crea ben pochi pericoli.

ALVARO PEREIRA 5,5 – Imita il suo omonimo.

GARGANO 6 – Deve fare tutto lui nel centrocampo di questa Nazionale: rincula e ringhia, il problema è che deve pure ricamare. Qualche bella intuizione, ma paga a livello di lucidità nel doppio ruolo svolto comunque in maniera lodevole.

RIOS 5,5 – Tecnicamente non è granchè, rimedia con la grinta ma la sua partita è sotto la sufficienza.

PEREZ 6 – Mette un po’ d’ordine.

CRISTIAN RODRIGUEZ 5 – Impalpabile, ma forse pure un po’ fuori ruolo.

GONZALEZ 6 – Al solito un ottimo lottatore in mezzo.

FORLAN 5,5 – Classe si, velocità di pensiero ed esecuzione non più. Sbaglia pure dagli 11 metri.

SUAREZ 5 – Davvero deludente, forse con la testa già in vacanza.

CAVANI 7,5 (IL MIGLIORE) – Mostro, alieno, tutto. Trascina una squadra abbastanza imballata fino ai rigori. Segna prima da opportunista, poi con una punizione di stratosferica forza. Affamato sempre, pure il 30 giugno. Oggi è il miglior attaccante al mondo assieme a Radamel Falcao, dietro soltanto quei superuomini di Ronaldo e Messi. Ha una resistenza da far spavento, corre come un pazzo pure al minuto 119. Nemmeno a dirlo, segna pure il rigore. De Laurentiis fa bene a non venderlo a meno che non arrivi la clausola: uno cosi non lo ritrovi nell’uovo di Pasqua.

TABAREZ 6 – Squadra stanca, la organizza come può.

Vincenzo Galdieri

Twitter: @Vince_Galdieri 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *